Fran Chang : POLE GOOD Magazine

Fran4“Una mente forte, positiva e umile è capace di superare qualsiasi ostacolo” –
Oggi vi presentiamo Fran Chang, un combattente della vita che ci insegna che nulla è impossibile!Abilità e competenze:

Bambino creativo, lavoratore, combattente, imprenditore, carismatico, responsabile, allegro, disponibile, umile e rispettoso!

Interessi personali e hobby:

Mi è sempre piaciuto lo sport, ma sono un fan degli anime, fumetti e videogiochi.
Mi piace anche tutto ciò che riguarda l’arte, il design e la moda! Ha vinto i premi: 1st Place Pole Theatre Argentina 2017 Categoria professionale Drama. Il tuo attuale lavoro: Istruttore di Pole Dance e Stretching. Momenti importanti della tua vita: Due anni fa mi era stato diagnosticato un cancro allo stomaco …

All’inizio ero un po ‘nervoso, ma ho deciso di aggrapparmi ai miei sogni e lottare per loro (tra i quali uno doveva tornare in pole).

Quello che ho fatto è stato di mantenere la mente calma e positiva, sempre ottimista, vedendo questo come un capitolo della mia vita che dovevo finire, e poi continuare a scrivere quanto segue …

Dopo un intervento chirurgico, ho aspettato solo due mesi di riposo e la prima cosa che ho fatto dopo è stata quella di tornare alla pole! hahahaha

Qual è il messaggio motivante che vorresti lasciarci?:

La vita ci dà sempre delle prove, solo noi dipenderemo da come affrontarle. Una mente forte, positiva e umile è capace di superare qualsiasi ostacolo !!

Informazioni personali
Nome: Francisco Alexander Cognome: Chang Hung Data di nascita: 6 febbraio 1988 Segno dello zodiaco: Acquario. Musica preferita: dagli anni ’80 agli anni ’90 Luogo di nascita: Miranda, Venezuela.

Pole Good l’intervista di Alejandrina Iurleo.

Ale5“Disfruta el proceso. Es lo que va a quedar en tu corazón.”  Son las palabras de Alejandrina Iurleo, una cordobesa que define al Pole, como parte de su vida. Gimnasta, Instructora de Pole y Dueña de Just Move, nos cuenta parte de su historia…

Ale, nos contarías cómo llegaste al Pole Dance?

Primero había visto alguna publicidad en un diario y me interesaba la idea. Me gustaba que fuera algo que mezclaba la danza con la acrobacia. Yo venía de muchos años en la gimnasia y hacía un tiempo había dejado. Asi que buscaba de hacer algo. Y ahi fue que empecé. Primero como un hobby y después me terminé enganchando con todo. Empecé a competir y a dar clases y la verdad que se volvió parte de mi vida…como trabajo y como deporte.

Cómo es tu vida fuera del deporte ?

La realidad es que gracias a Dios puedo vivir de esto. Tengo mi propia academia en Córdoba,  “Just Move” junto a mi marido que es el que me motivó a lanzarme sola. Así que mi vida es dar clases. No solo de Pole sino también de danzas y clases personalizadas de entrenamiento. Fuera de eso, también trato de buscar los espacios para compartir tiempo con mi familia y amigos que para mí son súper importantes.

Cuáles son los momentos más lindos dentro del Pole?

Las competencias son experiencias muy lindas y gratificantes. Mis dos viajes en que representé a Argentina haciendo Pole, sin duda fueron los más lindos e importantes. Pero también me gusta mucho viajar y dar clases en otras ciudades. El cariño que recibe uno de la gente ,es sin duda, lo mejor de mi trabajo

Tienes alguna frase que te identifique?

Disfruta el proceso. Es lo que va a quedar en tu corazón. El resultado siempre es relativo.

Cómo es un día habitual en la vida de Alejandrina?

Lo primero, desayunar. No puedo sino seguir con mi día. A la mañana siempre clases y después un tiempo para entrenar. Sea en el pole o lo físico. Siempre trato de alternar los entrenamientos y hay días que tengo tiempo de hacer ambos. A la siesta me doy un break para luego seguir dando clases hasta que vuelvo a casa a la nochecita. Cocino algo rico y sano. Me gusta mucho cocinar y luego a la cama! Rendida

Es necesario combinar el pole con otra actividad deportiva?

Si, claro! Para mí como deportista y entrenadora siempre tengo que tener un plan físico como complemento del pole. Es indispensable, primero para evitar lesiones y además para ganar fuerza, resistencia y flexibilidad. Sobre todo si está dentro de nuestros objetivos, la competencia. Y si se hace como hobby, también está bueno hacer algo más. Por ahí las clases de entrenamiento funcional me parece que están buenísimas o algo que nos haga bien para nuestro cuerpo. El yoga es también recommendable.

Crees que el Pole es un deporte para todos?

Si. Creo que cualquiera que tenga ganas puede practicarlo. Todo va a depender de que tan serio lo tomemos. Todo deporte va acompañado de una disciplina de vida. Sea de entrenamiento, alimentación y/o estilo de vida. Si queremos ver resultados, eso es lo más importante. Y perseverancia.

Quieres dejar algún mensaje para quienes se inician en la disciplina?

Que sean disciplinados. Tienen que ser constantes en sus entrenamientos. Escuchar al cuerpo y saber que es un deporte como cualquier otro. Por lo tanto hay que tener en cuenta donde vamos a tomar nuestras clases. Como cualquier disciplina de moda, en este mundo del pole también hay mucho chantaje. Hay gente que no está preparada para dictar clases ni para tener los cuidados correspondientes y hay excelentes profesionales también… Por suerte tenemos muy buen nivel y hay que aprovechar eso.

Premios? menciónelos.

3er puesto categoría femenina Elite Argentina Pole Championship 2012.

2do puesto categoría femenino Elite Argentina Pole Championship 2014.

Finalista World Pole Dance 2015, Pekín.

Oggi su Pole Good è unscita l’intervista di Citlali León

Citlali-México1“No teman al qué dirán… descubran esa sensualidad y fuerza, que nos brinda el Pole…”-  Es su mensaje, hermosa mexicana que nos confiesa que se inició en la disciplina del Pole para aprender a bailar, …. pero éste la fué enamorando cada vez más y hoy, se convirtió en su desafío diario… en su pasión! Pasión a la mexicana, Citlali León.

 

Citlalli, ¿nos contarías cómo llegaste al Pole Dance?

Les confieso que todo empezó porque quería bailarle a mi esposo y desde la primera clase fue un reto para mí. Hoy a 4 años de practicar… ¡sigo sin bailarle a mi esposo! Sin embargo, el reto se convirtió en pasión y hoy en día doy talleres y trato de enseñar un poco del empoderamiento de los tacones, de sacar la sensualidad de cada persona.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Tienes experiencia en competencias?

Sí, empecé compitiendo por curiosidad, por conocer la experiencia del compromiso y la adrenalina de estar en un escenario. No fui calificada entre los primeros lugares por diversas circunstancias, pero fue una gran lección de vida y crecimiento como Poler. También he participado como jurado en otras competencias en México y el extranjero.

Cómo es tu vida fuera del deporte?

Soy ama de casa como muchas en México, a cargo de las labores cotidianas de un hogar, ayudar con las tareas escolares entre otras. Tengo una hija de 11 años, un esposo y tres perros.

Cuáles son los momentos más lindos dentro del Pole?

Son los lugares y la gente que conoces; gente diferente a mí, con costumbres y estilos de vida muy diferentes… pero con algo en común: la pasión por el Pole.

Tienes alguna frase que te identifique?

Mmhh, sí: ¡con ovarios, inténtalo con ovarios! Sería algo así como ¡soy mujer y no hay nada que no pueda hacer, ni tubo que me detenga!

Cuáles son tus aspiraciones futuras?

Crecer como instructor y volver a competir en el extranjero.

Porqué crees que una mujer debería acercarse al Pole?

Creo que el Pole Dance saca la femineidad de las mujeres, las conecta con ese lado sensual que todas tenemos como mujer.

Es necesario combinar el Pole con otra actividad deportiva?

Conozco gente que lo combina con correr, nadar, telas, flex gym… depende de cada mujer, yo no realizo ninguna otra actividad y mi cuerpo se ha trasformado solo con el Pole.

Quieres dejar algún mensaje para quienes se inician en la disciplina?

Que no le teman al que dirán, que descubran esa sensualidad y fuerza que el Pole nos brinda, ya que es un deporte que se conecta con la danza y el corazón. Recomendaría que se graben en vídeo en su primera clase de Pole, esa clase donde pensaste que no podrías y que eso no era para ti… y un año después al observarlo de nuevo, notarán el cambio tan radical en su imagen, desde la ropa que usan hasta su expresión corporal… todos los logros que habrán alcanzado con esa disciplina.

Break Magazine Lada Vesna: Talents Lada Vesna: Passion Authentique

the woman symbol of a woman chosen by break magazine.jpgUne interview qui met en valeur la femme en tant que symbole de la manière la plus absolue, en tant que femme, elle est l’auteure de Lada Vesna, photographe, photomodel et femme authentique. voici ce que nous dit à propos de break magazine

 

Pensez-vous que vos photos, vus par de nombreux lecteurs peuvent changer quelque chose dans la sphère sociale ?

En tant qu’artiste, mon travail touche les gens dans leurs émotions et d’une certaine manière rend leur vie plus intéressante. De ce point de vue-là, l’impact sur la sphère sociale est concret, bien que je ne sois pas une photographe engagée dans une cause sociale per se.

 Quel est ta mission en tant que photographe ?

Ma mission est de simplement trouver la beauté dans chose personne et chaque chose.

Vos sujets, sont-ils impliqués dans votre travail ?

Cela va de soi, qu’une photo réussie implique forcément une implication mutuelle entre le sujet et l’artiste.

Quelle est la difficulté de raconter une histoire à travers un tir ?

Le hasard des regards et des mouvements joue une part égale à celle de la dextérité du photographe, donc toute la difficulté de raconter une histoire se trouve dans cette rencontre fortuite entre le moment opportun et le clic.  

Selon vous tout ce qui apparait sur une photo serait une expression consciente ou inconsciente du photographe ?

Le photographe est comme un miroir de ce qu’il photographie. Donc, ni consciemment, ni inconsciemment, tout juste naturellement, tout ce qui apparait dans un cliché contient une part du photographe et son imagination.

Parlez-nous de l’un de vos clichés préférés, pourquoi le préférez-vous ?

Le thème qui m’inspire le plus est celui de la spiritualité incarnée dans un être humain dont les traits reflètent l’expression d’une profonde paix, malgré toutes les choses qui foisonnent à l’intérieur de son âme.

Comment un photographe observe-t-il le monde ? Avec quels yeux ?

A travers son objectif. Chaque situation, où qu’elle soit, peut être un sujet de photographie. Tout ceci est alimentée par une recherche curieuse et perpétuelle de la lumière.

Lorsque tu fais un super cliché, te rendes-tu compte immédiatement ?

Les battements de mon cœur qui s’accélèrent d’excitation et de joie m’indiquent que la photo que je viens de capter fera partie de mes préférées.

Y-a-t-il des reconnaissances importantes dans votre vie ?

Ceci ne tardera pas, je l’espère.

Quand et comment as-tu découvert la photographie ?

J’ai découvert la photographie en tant que modèle, il y a de cela quatre ans. Ce monde m’a intéressé, j’ai acheté une caméra et j’étais lancée dans ce monde magique et passionnant où je ne cesse pas de découvrir et d’apprendre depuis.

   Qu’est ce tu aimes photographier ?

J’aime mettre la lumière sur l’âme des personnes, exprimée par l’énergie de leurs corps.  Donc, plus simplement j’aime photographier les gens.

Quel est le sens de ta vie ?

Je préfère parler de ce qui donne un sens à ma vie. Trois choses sont essentielles pour mon épanouissement, la passion que j’ai pour ma famille et mon travail, l’utilité de mon existence pour mes amis et mes connaissances, et la joie de pouvoir apporter ma brique, toute simple et modeste, à l’édifice d’un art qui me séduit tous les jours, un peu plus.

     

Questo slideshow richiede JavaScript.

Une interview qui met en valeur la femme en tant que symbole de la manière la plus absolue, en tant que femme, elle est l’auteure de Lada Vesna, photographe, photomodel et femme authentique. voici ce que nous dit à propos de break magazine

Ilaria Pallotti: metamorfosi dell’attore

Se c’è una cosa in cui crede Ilaria Pallotti è di mantenere la propria umiltà.  Nonostante l’attrice abbia come punto di riferimento alcuni grandi nomi hollywoodiani, è sempre rimasta fedele a sé stessa, al punto da chiedersi chi è Ilaria Pallotti,il grande pubblico la ignora, eppure se si ripercorre il suo iter artistico sportivo si scopre dapprima la sua poliedricità, le sue capacità di attrice che a tratti mostra il suo vero talento. Per capire tutto questo concetto basta leggere la sua intervista rilasciata a Cine Clan, un modo semplice per conoscerla meglio cosi come l’abbiamo conosciuta noiunica, elegante, romantica una di quelle persone che prende seriamente tutto quello che fa.

Iniziamo dalla prima domanda: Cosa rappresenta per te l’attore in un cotesto sociale?: Essere attore rappresenta una responsabilità, l’attore è un’artista che con studio e passione fa della propria arte il suo lavoro. È un compito molto importante perché deve trasmettere emozioni a chi lo guarda. Deve essere un ponte di congiunzione tra il regista e lo spettatore.

Hai raggiunto tanti obiettivi, qual è quello più significativo per te?: Ogni singolo obiettivo è signigicativo dal momento che mi impegno per raggiungerlo . Io sono giovane e per ora gli obiettivi più importanti li ho raggiunti con lo studio e lo sport ma ho ancora tante sfide e tante vette da scalare.

Puoi dirci a cosa stai lavorando adesso?: Ho avuto la fortuna di conquistare la fascia di Miss Sport Marche che da ginnasta agonostica mi si addice totalmente. Questo mi ha aperto le porte come modella, come madrina e testimonial di eventi sportivi e ho avuto l’opportunità di partecipare come coprotagonista ad una fiction, di cui ringrazio di cuore i produttori. Anche se la strada da attrice è molto lunga perchè ci vuole tanto studio, ma spero un giorno di arrivarci. Per il momento sto lavorando con tutte le mie energie all’esame di maturità del Liceo Classico, che per ora è il mio unico pensiero.

Raccontaci una tua Gionata tipo?: Le mie giornate tipo sono dedicate allo studio e alla ginnastica artistica in preparazione delle gare, intervallate da shooting e impegni vari per costruirmi il futuro.

Come vorresti vederti tra 10 anni?: Dieci anni sono tantissimi, mi vedo realizzata negli studi e nel lavoro, magari manager e attrice. Una volta conclusa la maturità del Liceo Classico avrò a disposizione questi anni per studiare e aprire le porte al mio futuro.

Artisticamente, quale è l’attrice a cui vorresti somigliare?: Penso che bisogna imparare da tutti,da ogni attrice e attore, ma la mia preferita resta Julia Roberts. Anche se credo che ognuno di noi sia diverso a modo suo e quello che voglio è essere me stessa sempre.

Cosa vorresti che le persone capissero di te?: Sicuramente che sono una persona dolce, semplice e da buona sportiva che porta a termine le scommesse che la vita mi propone.

Che considerazione hai della recitazione Italiana?: La recitazione è un’arte tanto bella quanto difficile. Non basta essere belle fisicamente ma bisogna studiare e impegnarsi per esprimere il meglio di sè. In Italia ci sono bravissime attrici conosciute e tante altre ancora da scoprire.

Qual’è la tua battuta preferita del cinema?: “Se vuoi qualcosa, vai e inseguila”

ci sono ruoli che avresti voluto recitare?:

Come nasce la passione per il cinema?: Mi ha sempre affascinato sin da piccola.

Quali sono le difficoltà di intraprendere questo mestiere in italia?:

Ultima domanda… il senso della vita?: È tanto difficile rispondere a questa domanda. Ognuno di noi vive la propria vita secondo il modo che ritiene più giusto, senza uno standard predefinito, portando sempre rispetto e gratitudine per quello che ci è stato donato. L’importante è vivere la propria vita senza sprecarla e senza rimpianti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutti i diritti  sono riservate.

credit photo Franco Fasciolo

http://www.francofasciolo.com/

https://www.facebook.com/francofasciolo

La GC GRAPHICS di Giacomo Canale  ancora sulla cresta dell’onda!

SFOGLAIRE

La GC GRAPHICS ancora sulla cresta dell’onda!

UnideaUna singola idea della mente umana può cambiare tutto…  così recitava Di Caprio nel film Inception di Christopher Nolan. DunqueUnidea può rivoluzionare tutto, e il caso dell’imprenditore fiorentino Giacomo Canale di cui non è facile in poche parole raccontare la storia, che attraverso alcune tecniche pubblicitarie riesce a “bucare i social”. Insomma, parlare di tutto non è semplice, anche perché Giacomo Canale non ha il dono della sintesi. Ama ciò che fa e ama raccontarlo. Insieme a lui la bellissima HELGA CONFORTI ex soubrette di Ciao Darwin, un’impresa che sta diventando punto di riferimento per chi insegue sempre nuovi traguardi, una coppia alquanto “bollente!” Con le loro pagine e profili di varie applicazioni seguite da oltre 150mila utenti, riescono a dare quotidianamente un po’ di brio a questa “generazione elettronica”. Partito il progetto VERSILIA DA AMARE, e del calendario della Versilia con dodici modelle toscane che indossano outfit  YAMAMAY fotografate dallo stesso Giacomo.www.gcgraphics.it “Il buon cibo e il folklore portano il turismo!” Queste le parole del giovane imprenditore cuoco-fotografo che in maniera ironica spiega che “l’idea” funziona. Poi dice:

Con Versilia Da Amare cerchiamo dodici stabilimenti che offrono al cliente anche della buona cucina, noi diamo un servizio di pubblicità alla location fotografando all’interno le modelle e diffondiamo gli scatti e i back stage sui social… L’utente che giornalmente segue le pagine gestite dallaGCgraphics, attirato dal calendario VERSILIA DA AMARE nota anche informazioni in tempo reale della location e i suoi servizi. Abbiamo ancora molte idee da portare avanti nel 2019, ma adesso non mi espongo e finisco il calendario!”

Dunque abbiamo dedicato la cover di Sfogliare news a Giacomo Canale personaggio della settimana, soffermandoci sulla curiosità e sulle sue idee che sanno di rivoluzione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Elegante, Sexy e Empreendedora… GRAZZY BRUGNER.

Você é do tamanho dos seus sonhos, por isso nunca pare de sonhar!… É a mensagem de Grazzy, uma mulher que só com sua presença, impacta! Ela é doce, linda e charmosa; Ele sabe quais são seus objetivos e corre atrás deles. Nós convidamos você a conhecer Grazzy Brugner, uma mulher especial.

  • Grazzy, você nos contaria como chegou ao Pólo?

Claro! A primeira vez que vi o pole dance eu tinha 15 anos. Fui assistir o filme striptease da demi more, mas naquele momento o pole não me chamou à atenção. Ela faz uma dança da cadeira no filme e com 15 anos fiquei apaixonada por isso. Mas com 28 anos eu vi pole dancing… jaja… pela primeira vez no youtube. Me apaixonei á primeira vista e já se passaram 10 anos de muita história.

  • Como está sua vida fora do esporte?

Eu sou muito empreendedora, trabalho com muitos projetos ao mesmo tempo. Então sempre estou muito ocupada. Mas reservo um tempo pra mim, para amigos e para minha família. E claro, sempre que posso eu faço fotos. Amo posar para fotógrafos.

  • Você poderia nos contar os melhores momentos de sua carreira na disciplina de polo?

Nossa!!! São tantos!!! Mas o fato de ter inaugurado o 1º estúdio de pole dance do brasil foi a minha consagração. E em 2013 eu consegui inserir o meu curso de capaitação em pole dance dentro de uma faculdade de saúde como um curso de extensão, foi uma vitória maravilhosa! Sem contar todos os campeonatos, congressos, festivais, seminários e paises que já conheci! Amooo

  • Você tem alguma palavra que o inspire?

Você é do tamanho dos seus sonhos, por isso nunca pare de sonhar!

  • Quais são suas aspirações futuras?

Tenho muitos projetos à caminho.

Estou formando o projeto de franquia do meus studio e franquia da marca do campeonato que organizo o miss pole dance glamour.

As franquias do studio já estou com 2 unidade:

  • studio grazzy brugner – cwb
    • studio grazzy brugner – barigui

E o campeonato esse ano já acontecerá em lima – peru.

Dia 20/10/2018 – miss pole dance glamour peru

Mas o projeto e ter miss pole dance glamour por todas as partes do mundo!!!

  • Quais benefícios você acha que o Pole Dance traz para sua vida?

A modalidade do pole dance além de todos os benefícios físicos é uma terapia. Eu sempre fui muito sonhadora, mas o pole dance me deu asas gigantes para eu poder voar!

  • De sua experiência, você acha que é necessário combinar o pólo com outra atividade esportiva?

Eu amo pole dance e quase todos os dias eu estou em contato com a barra. Mas eu combino exercícios de treinamento funcional ao meu treino também, e acho super importante fazer aula de dança junto com o pole dance. Quanto mais vivência e conhecimento melhor.

  • Que mensagem você gostaria de nos deixar?

Nossa, são tantas! Primeiramente muito obrigada pelo convite.

Pessoas que trabalham com a modalidade do pole dance são pessoas guerreiras, amaveis e determinadas.

E acima de qualquer circustância, sempre agradecer o universo e ser grata a tudo!

  • Música que você prefere?

Amo diversos estilos, mas as dançantes são as que me chamam atenção! Amooo regatton.

  • Onde você nasceu? Cidade de peabiru no estado do paraná
  • Onde você mora? No momento eu moro entre curitiba e são paulo. Nas 2 cidades.
  • Prêmios? mencioná-los.

Como eu organizo campeonatos a 10 anos, eu acabo não participando de campeonatos. Mas tenho projeto de começar a competir depois dos meus 40 anos. Falta pouco…jaja


Primeiro e Último Nome: Grazzy Brugner

E-mail: studiograzzybrugner@gmail.com

Primeiro e Último NomeGrazzy Brugner

E-mail: studiograzzybrugner@gmail.com

Obrigado Grazzy por nos permitir entrar por alguns momentos, uma parte da sua história ..

POLEGOOD Magazine

Doina Gorun; la vita per lo sport

DORINA.jpgBisogna fare di tutto per superare gli ostacoli senza abbattersi mai… Sono le parole di una donna che ha superato il più impossibile degli ostacoli, non bisogne lasciarsi condizionare dagli eventi del tempo da nessuno qualunque cosa tu possa fare, qualsiasi sogno tu possa sognare, comincia. Lei si chiama Doina Gorun  segno zodiacale bilancia, IFBB Personal Fitness Trainers Certification (CPFT) è una ragazzina che sa il fatto suo;  Una donna  senza paura, elegante, bella, forte , ma soprattutto una vita per lo spot tra sacrifico ed abnegazione assoluta, e cosi che si presenta  il nostro personaggio con il suo incredibile curriculum la rende una personalità veramente interessante il suo profilo Instagram che cresce in maniera esponenziale a migliaia di followers e le sue foto fanno il giorno del mondo. Sembrerebbe che si sia già stato detto tutto su di lei, durante la nostra intervista, si è dimostrata simpatica, volenterosa di raccontarci del suo lavoro, delle sue passioni e dei suoi progetti futuri. E’ quindi con estremo piacere che vi presentiamo Doina Gorun , sicuri che vi conquisterà allo stesso modo in cui ha conquistato noi

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo ?

Sono diplomata in lingue, studiato 3 anni lettere e filosofia, diplomata in chitarra classica a conservatorio.
Per quanto riguarda invece la mia passione che è diventata poi il mio lavoro, (CPFT) Personal Fitness Trainers certification IFBB.

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Ho sempre fatto danza, fino all’età di 19 anni, momento in cui ho deciso di mettermi in gioco.
Ho deciso di volermi mettere in discussione non solo con gli altri, ma soprattutto con me stessa, ero curiosa di vedere fin dove potevo arrivare, fin dove potevo spingermi e conoscere i miei limiti, per affrontarli e superarli. E così ebbe inizio questa sfida con me stessa dura da ormai 8 anni.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

mi definisco una donna atleticamente soddisfatta e pronta a trasmettere le mie conoscenze e nozioni apprese in questi anni alle mie atlete ed alle persone che decidono di affidarsi a me come Personal Trainer, Motivatore e coach.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Ho iniziato ad allenarmi in palestra all’età di 19 anni, per me stessa, incosciente di dove sarei arrivata. Ero solo una ragazzina, già con la testa sulle spalle e pronta a sacrificare molte delle abitudini e distrazioni classiche di quell’età per dimostrare a me stessa che potevo essere ed arrivare dove volevo. Dopo qualche mese che mi allenavo ho deciso di farmi seguire da un preparatore atletico, il quale ha visto in me un potenziale e mi ha consigliato di provare a mettermi in discussione gareggiando. Ho quindi intrapreso una vera a propria preparazione, fino ad arrivare al mio primo palco. Sono poche le competizioni che non ho vinto, e senza rendermene conto sono diventata professionista all’età di 25 anni fino a partecipare alla tanto ambita competizione di Las Vegas, nel settembre 2017 “Mr. Olympia”.

Cosa ti piace di questo sport?

il bello di questo sport? che non è per tutti, che niente è regalato, che tutto dipende da te e da quanto sei disposto a dare per arrivare e confermarti. è uno sport che non finisce mai, che ti riempie la vita, che lo si fa con una determinata logica e con un determinato fine. è uno sport che porta dietro uno studio ed una conoscenza su se stessi molto più profonda di qualsiasi altro sport, andando a toccare tantissimi temi, e la trovo una cosa estremamente affascinante se fatta con intelligenza.

Hai un motto?

“corro perché che devo, corro perché che posso, corro perché voglio vedere fin dove posso arrivare prima di dovermi fermare.”

Cosa significa per te essere bella?

Essere bella è una condizione mentale, essere belle significa accettarsi, rispettarsi ed amarsi, sentirsi giusta perché sei e fai ciò che ami. e quando ti senti così anche gli altri ti vedono bella.

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

io credo nel bene, un dio lo si può chiamare in qualsiasi modo, Gesù, Buddha, Allah… trattasi sempre di una figura buona che ci insegna a vivere in modo corretto.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se sì in cosa? :

Si decisamente. questo sport ti porta ad imprigionarti nel tuo corpo, e ad entrare in una condizione dalla quale è difficile uscirne. Diventa come una dipendenza. quindi in questo senso mi ha cambiata, trovo difficile fare una vita mondana, o condurre le mie giornate senza programmarle. Sicuramente questo sport ti insegna a sopportare il sacrificio, ti insegna la dedizione, che tutto ciò che vuoi lo si deve guadagnare, e che non ti regala niente nessuno.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Come dico sempre “AMATI E TI AMERANNO“. Quando dico “amati” intendo esattamente questo, rispettare te stessa, te come donna ed il tuo corpo.  io da donna penso che sia possibile mantenere la femminilità, essere belle ed eleganti anche se muscolose. l’eccessivo utilizzo di integrazione porta esattamente l’opposto.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Si tantissime volte! ma non ho mai mollato , a costo di non essere al top del top, non ho mai lasciato inconcluso un percorso iniziato.

il tuo rapporto con l’ambizione?

sono molta ambiziosa, è proprio la mia ambizione che mi ha portata cosi in alto. non ho mai sognato di fare qualcosa o diventare qualcuno, ma ho sempre ambito a questo: lasciare un ricordo di me.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?: stile sportivissimo! non mancano mai leggins, top e felpa. ah ovviamente anche i tacchi ogni tanto si fanno ricordare….

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni? : come una delle poche atlete italiane che hanno calcato il palco del mr Olympia, con un palmares atletico invidiabile.

il tuo rapporto con i social?  mi potete trovare su  instagram: doina.gorun_pro.ifbb
facebook: Doina Gorun Ifbb Pro Woman Physique. andate voi a scoprirlo.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso: “amati e ti ameranno”

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

siamo noi gli artefici del nostro futuro. non serve essere pessimisti, non porta da nessuna parte. bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare a testa bassa verso il proprio obbiettivo.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

La mamma. Come sempre, per chiunque, l’unica.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Pazienza – perseveranza – intelligenza

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ?

Di non dar retta alle critiche di chi ha deciso di vivere questo sport in modo diverso.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale o di formazione nella tua vita ?

assolutamente no, nessun rimpianto e nessun rimorso.

Un ultimo domanda … il senso della vita?

Essere ciò che siamo, diventare ciò che siamo capaci di diventare, questo è il solo fine della vita.

 

 

 Emily Anselin: scultura senza tempo

S

At Fashion Break Magazine we interviewed for this new issue a special woman, a reference for many artists and sculptors, it is appropriate to say a true living work of art, her name is Emily Anselin Vivo in Toulouse, in the south-west of France but Born in Paris 39 years ago, today Emily is a true professional of fashion and photography. His shots do not go unnoticed, when they have a very powerful and unconscious symbolic representation in many ways. Emily is one of those models who like to carefully choose her collaborators with work, in fact her boyfriend is a professional photographer. But Emily is also a woman engaged on other fronts responsible for the organization of filming, the relationship with customers and commercial development. And thirdly, I organize workshops or master classes for different artists. I organize my first workshop in June in Portugal for three fantastic French photographers: Martial LENOIR, Nicolas LARRIERE and Franck SONNET (Www.workshopnude.com) My work is my passion. I am so happy to work in the field of art. It is a real pleasure to be independent in my work. I organize my work as I want. important to live it.

 

Hi Emily Anselin can you tell us about the most significant moments of your
photomodel career?

Hi ! Thank you for your interest. I am a photo model for 4 years. The beginning of my carrer is one of the most significant moment. I began photos with Cedric Nöt, a french artistic photographer. We met us on an audiovisual project (a movie about customized bikes). I discovered his talent and I loved it right away. At that time, he worked on his serie « Lhymb ». I had to pose nude in the nature amid the trees and lichen and we should not see my face. This place is totally amazing.It’s in Pyrenees in France. The photo of this shooting was a success. It was published on web magazine and Panobook 2014.I loved to move in the nature, totally nude. Since this shooting, I posed nude in the snow, in the snowflake, in rivers with a very cold water, on rocks (climbing). We saw my body but we never saw my face. And last year, I met Gilles Defaix, an other french photographer who live in Lyon. He
said to me « I am going to shoot your body, of course ! but me, I want to shoot your face ». He knew that it was difficult for me because I didn’t like my face on photo. I knew how to put my body in value but my face ? I didn’t know. We worked, he brought me his experience and… I succeeded ! well I think (laugh) And the last most significant moment in my photomodel carreer is my meeting with my boyfriend, Franck Sonnet. He is a professional photographer. He contacted me for a shooting for one of his serie. We met us before the shooting to drink a coffee. This coffee lasted… 6 hours ! We spoke a lot and we didn’t make photos this day. I came back next morning (I lived at 2hours at this time). Our first photos are horrible !
Neither of us were concentrated.

How do you see yourself in five years?
It’s a good and difficult question because I am a woman who live day-to-day « Carpediem ». I am 39 years old and i already had a lot of life. My first job was riding instructor. I have a engineering degree in agribusiness. I worked more than 5 years in this industry like a manager. I left everything in 2004. After, I have been barmaid, trainer in management, assistant manager in audiovisual and event and now I am a model ! Today, I love my job because I do a lot of different activities and I learn everyday. I hate bored ! In five years, I hope that I’ll always be an independant woman in my work. I hope that I’ll work again in the art. If no, I would dream to have my restaurant or a bar in a warm country !!

 

What relationship do you have with beauty?
I love beauty of people. Women like men. Physical beauty is important in our society. It’s a shame but I think it’s easier in this world when we have a nice physical appearance. Beauty has no age for me. For example, I prefer beauty of men aged 40-50 years old than men 20 years old. On the other hand, I prefer beauty of women younger. Be careful, some women age very well but, unfortunately, wrinkles are better for men.For me, interior beauty is more important because beauty lasts in the time.

After reaching so many goals do you have a dream in the drawer?Yes, I have many dreams ! Dreaming is very important. I don’t know if I will be model again in few years but I hope to continue to work with artists as long as possible. I would love to become a writer or realize a movie. I would love to create. I hope that a day, i go to live in south America, Asia or South Europa. I hope to have a bar on the beach and organize concerts (I love music). I would love to work with animals or nature and defend them. I am an ecological girl since my childhood. My dreams change with time. I listen my body and my desires. I work to realize my dreams.

Is there a place in the world where you would like to go and live and why?
Travel is one my favourite activities. For me, it’s the best school of life. It learns humility, tolerance and openness. I would love to live in South America in Costa Rica. It’s a country very ecological and very open on nature. I love Portugal, Greece and Italy too. I would love to live in a warm country. I love sun and gastronomy so it’s important for me that I like food of the country where i live. I prefer to live in nature than in town. Nature is very important for my spirit.

What is your relationship with your body?
Today I am very comfortable with my body. I prefer to be nude than with clothes. I am a naturist woman so nudity is natural for me. Before, I had a complicated relationship with my body. I was a complexed child. I found me too fat with breast too big. My friends were tall and fine and I found me
small and fat. So, when I was 17 years old, I decided to slim. I lost 23kg. Today, I recognize that I lost too much kilograms but i’m fine, I am a happy woman in my body and it’s the most important for me. Today, I arrive to look at me and I find that I am a pretty woman. Believe me, it’s a big step for me. I am happy to have confidence in myself. Self-confidence is an essential quality in this world. And I have confidence in my friends if this quality turns into egocentrism 😉

Were there any hard times in this job?
For me, there are two hard times in this job : the attitud of model or attitud of photographers. I hate competition between models. I did shooting with several models. Sometimes feeling is good between us and sometimes, one of the girls want to be the most beautiful, the one we see the most. Some photographers like to work with me when we are several models because I laught a lot. This helps to free everybody.Some photographers are not professionnal. It’s difficult when we are a nude model. We have a lot of solicitations. It’s important for me to answer everyone but it’s a lot of
time. Some photographers are no correct with models. It’s not a secret, some famous photographers have recently fallen for models abuse.
Unfortunately, like every models, I was confronted with this kind of persons.

On what basis do you choose a photographer? or better, what features
should it have?
I am an exacting model. I choose photographers according to their work and ethics. I don’t want to pose for every photographers. With internet it’s important to take care. I don’t want to see photos of me than I don’t like or degrading. To choose a photographer, I have to love his work and his attitud. It’s a small world. We discuss with others models. When a photographer is not clean, we know it quickly. Model is one of my business activities. So I am not doing collaboration anymore. I accept only paid shooting.

What do you hope to communicate with your body?
I hope communicate sensuality, eroticism, strenght and girl power. My body is mine. It’s a mean of communication. It symbolizes the passing time,
confidence in myself and power that I have.  I would like to communicate the power of body at the others women. We are beautiful
and strong. Show it !

Would you like to write a book of your life and with what title?

Yes I love writing and I would dream to write a book of my life. It’s difficult to find atittle because I am young again and my life is not finished. Maybe « 50 shades of me » (laugh)

There is an unprofessional “photographer with whom you would like to
work?

I would like to work with a photographer and artist who live in Toulouse in France. His name is Joël BARDEAU. We have a project together. It’s a great artist and I love his work. He exposed in Arles two years ago in the Festival of nude art photography.

The meaning of life?
The meaning of life ? it’s simple : LIVE ! dare, share, travel, respect others people and do that we want. Ok, I leave in a country where my dreams are possible and I don’t have child so it’s easier for me to say that. We have one life. It’s important to live it.

  

Questo slideshow richiede JavaScript.

Eskeyla Effe: i’m happy

Su Instagram la potete trovare come “eskeyla____13 “Eskeyla Fabene” in arte Eskeyla Effe però è Made in Italy anzi, più precisamente “romana“, una sognatrice come ama definirsi, ed è lei la protagonista della copertina di Personal Trainer Italia di questa settimana. Eskeyla ha una bellezza semplice e complessa allo stesso modo, basta un po’ di crema idratante per mantenersi immutata. Ma Eskeyla ama senza ombra di dubbio sperimentare, comprendere nel vero senso della parola, insomma tutto quello che attira la sua attenzione. Folle e pragmatica lascia trasparire in ogni sua parola l’entusiasmo che ha per la vita. Fitness model, atleta, attrice, ma soprattutto una mamma moderna, oggi siamo qui con lei per conoscerla meglio

ESHEYLA.jpg

Su Instagram la potete trovare come “eskeyla____13“Eskeyla Fabene”  in arte Eskeyla Effe però è Made in Italy anzi, più precisamente “romana“, una sognatrice come ama definirsi, ed è lei la protagonista della copertina di Personal Trainer Italia di questa settimana Eskeyla ha una bellezza semplice e complessa allo stesso modobasta un po’ di crema idratante per mantenersi immutata. Ma Eskeyla ama senza ombra di dubbio sperimentare, comprendere nel vero senso della parola, insomma tutto quello che attira la sua attenzione. Folle e pragmatica lascia trasparire in ogni sua parola l’entusiasmo che ha per la vita. Fitness model, atleta, attrice, ma soprattutto una mamma moderna, oggi siamo qui con lei per conoscerla meglio.

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo ?

Faccio sport da quando sono piccolina, ho iniziato con la danza classica, ancora ho i video che mi faceva mia madre con il “mini tutu’”,alle elementari ho iniziato con il nuoto, una passione nata perché’ vedevo i miei cugini che gareggiavano, uno di loro ha fatto anche le olimpiadi, mi sembrava un sogno arrivare a certi livelli, ho iniziato quando ero alle elementari, ricordo che entravo in vasca e uscivo dopo 3 ore, facevamo chilometri in acqua, studiavo e mi allenavo, tra le varie gare sono arrivata ai campionati di nuoto regionali.
Ho lasciato il nuoto alla fine delle 5 elementare, dalle medie sono tornata a fare danza, un periodo ricordo ancora che facevo danza e pugilato insieme….da li’ la scintilla per boxe, una delle mie passioni, in realtà’ non amavo fare a pugni e sinceramente l’idea di rompermi il naso nemmeno mi piaceva, ma la sensazione che sentivo ogni volta che mettevo i guantoni e iniziavo a fare le serie “diretto sinistro, diretto destro, gancio sinistro, diretto destro” era fantastica, mi hanno sempre detto che era uno sport innaturale che “invece di allontanarti dal dolore, con la boxe ci vai incontro” , ma a me piaceva e poi uscivo dagli allenamenti scarica da tutte le tensioni, non ho mai potuto combattere perché’ avevo le protesi al seno e quindi mi divertivo a fare i guanti in palestra, il fatto che non potevo combattere con il tempo mi ha demotivata, erano i primi anni che in italia si sentiva parlare di crossfit, iniziai ad allenarmi nel 2013, 4 anni di crossfit agonistico, ho sempre visto il crossfit come uno sport completo, gli allenamenti e le gare spaziano endurance alla ginnastica, dalla pesistica ad esercizi metabolici, nelle gare estive ce’ anche il nuoto…ero diventata una crossfit addicted! 2 allenamenti al giorno, mattina e pomeriggio, lavoravo e tornavo al box ad allenarmi, fino al giorno che iniziai a specchiarmi e non piacermi più’…l’eccessiva muscolatura mi ha portata a guardarmi intorno per capire come modellare il mio corpo…
Li’ e’ arrivato il Bodybuilding

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione? 
Ho sempre avuto un attrazione particolare per i sovraccarichi e la ghisa in generale, incanalavo le mie energie su movimenti più dinamici praticando il crossfit a livello agonistico tenendo sempre un occhio defilato sul bodybuilding, l’idea di poter costruire e modellare il corpo a proprio piacimento mi ha sempre affascinato e incuriosito, quindi mentre praticavo crossfitt iniziavo a studiare le varie metodologie di allenamento e la teoria del bodybuilding sul corpo femminile e maschile.Dopo qualche anno di crossfitt il mio corpo era diventato decisamente performante e ipertrofico ma non aveva le forme che desideravo, quindi mi son buttata nella sala pesi, da allora quella che prima era una affascinate curiosità si è trasformata in passione.

Premi importanti vinti?

Aprile 2018 4 posto musclecontest ireland, invece di fare le cose gradualmente iniziando con qualche regional avendo una condizione di base già costruita e molto Vicina ai canoni delle bikini mi sono voluta mettere a confronto con le atlete più forti di me andando a competere a livello internazionale in Irlanda maggio 2018 2posto GalaxyPro bariproqualifier categoria bikini

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ?

Uno dei consigli che mi sento di dare a chi intraprende questo percorso è quello di non vergognarsi mai della propria forma fisica di entrare in sala pesi e cercare di migliorarsi , tutti abbiamo qualcosa che non ci piace del nostro corpo altrimenti non saremo lì a sudare e lavorare sodo , sfruttate la vostra condizione di base proprio come sprono, dev’essere il primo gradino da scavalcare, mettetevi un piccolo obbiettivo non tanto lontano come ad esempio quello di perdere qualche kg se siete in sovrappeso o metterne qualcuno se siete sottopeso, raggiungetelo con determinazione poi passare allo step successivo, non arrendetevi mai!!! quel piccolo gradino che passo salirete da lì a qualche tempo sarà diventata un enorme scalinata, quando vi volterete per guardare da dove siete partiti sarete tanto in alto che vi verranno le vertigini!  Affidatevi sempre a persone esperte per i consigli, e lasciate perdere i ciarlatani: ricordatevi la professionalità costa. diffidate dai praticoni. vi faranno perdere tempo e fiducia in voi stessi.

Come ti vedi tra 5 anni?

Con il cassetto dove mettevo i miei sogni quasi vuoto perché’ sono riuscita a realizzare quello che volevo….ovviamente non ti dico nulla per scaramanzia:-))))fisicamente mi vedo sicuramente meglio di come sono adesso! Il corpo è in continua evoluzione se gli si danno gli input giusti. il segreto è la caparbietà ed io sono molto testarda!

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale eo di formazione nella tua vita ?

Sicuramente non sceglierei la facoltà’ di psicologia avrei scelto qualcosa con più’ possibilità’ e sbocchi lavorativi.

Ai un motto?  Il successo non è un caso, è duro lavoro, perseveranza, apprendimento, sacrificio e, soprattutto, amore per quello che stai facendo. Cosa significa per te essere bella? Significa convivere bene con il proprio corpo e con la testa, essere felici di come siamo

Credi nell’amore?: Si, l’amore è il motore del mondo:-)  Sono una delle ultime romantiche