Papà soldato torna dopo mesi e consegna la cena a domicilio a sorpresa

È vero molto commovente il video apparso sul web dove si vede un papà soldato tornare a casa Dopo tanti mesi consegnando una cena a domicilio che la famiglia aveva ordinato poco prima. Avevano ordinato. dunque, questa cena a domicilio ma quando hanno aperto la porta non avrebbero mai immaginato di rivedere il loro papà Dopo tanti mesi. Il protagonista di questa storia Infatti è Michael Davies-Phillips, un soldato di 28 anni che vive in Gran Bretagna e più nello specifico a Stafford e che lavora nel Royal Logistic Corps delle Seven Residence.

Dallo scorso novembre il soldato si trova nelle Falklands, molto distante dalla sua famiglia. È stata una sorpresa davvero molto grande e soprattutto inaspettata per Flynn e Imelda Davies-Phillips, ovvero i figli di 10 e 6 anni che aprendo la porta convinti di trovare il fattorino con la cena a domicilio, invece hanno trovato e riabbracciato il loro papà dopo 7 mesi. Il tutto Grazie alla mamma che ha organizzato.

Il soldato ha raccontato di essere andato in missione a novembre è che prego dovuto tornare a casa lo scorso mese di marzo mi puoi dare diverse motivazioni futuro si è dovuto allungare e quindi non avrebbe avuto idea di quando sarebbe tornato a casa. ” E ‘stato davvero difficile, visto che è stato il tempo più lungo che abbia trascorso lontano dai bambini e da mia moglie Abigail. Erano davvero arrabbiati quando ho detto loro che non sarei tornato a casa nel mese inizialmente previsto”, ha dichiarato Michael.

Ovviamente quando i suoi figli hanno visto il loro papà davanti la porta di casa è stata una gioia incontenibile ed a raccontare questo momento è stato proprio il soldato. «All’inizio non si erano resi conto che ero io perché avevano visto solo la giacca Deliveroo. Quando finalmente mi hanno riconosciuto per loro è stata una grande sorpresa. Abigail e io ci siamo sposati l’anno scorso e abbiamo rimandato la luna di miele fino a quando non avessi saputo la data esatta del mio ritorno a casa. Ora faremo un tour per gli Stati Uniti insieme a Flynn e Imelda, non possiamo aspettare», racconta Michael.

Roma, stacca frammento da Colosseo, denunciato turista 17enne

Ha tentato di nascondere ‘souvenir’ nello zaino


Stava staccando un frammento laterizio di epoca romana dal colonnato esterno del Colosseo, ma è stato sorpreso dai carabinieri che stavano effettuando un’operazione di controllo nell’area dell’Anfiteatro Flavio e dei Fori Imperiali. L’assidua presenza lungo il perimetro dell’Anfiteatro Flavio ha permesso ai Carabinieri di sorprendere un turista, 17enne austriaco, mentre staccava un frammento laterizio di epoca romana dal colonnato esterno. Il turista, che non si era accorto della presenza dei Carabinieri, ha poi tentato di nascondere il “prezioso souvenir” all’interno dello zaino che portava al seguito. È stato immediatamente bloccato e denunciato a piede libero per impossessamento illecito di beni culturali appartenenti Stato

Bimbo di 2 mesi abbandonato in un cimitero: «Ha rischiato di essere sbranato dai cani randagi»

Bimbo di 2 mesi abbandonato in un cimitero: «Ha rischiato di essere sbranato dai cani randagi»
di Alessia Strinati
É stato abbandonato in un cimitero, dove sarebbe morto se non lo avesse notato un passante. Un bimbo di 2 mesi è stato salvato da morte certa da alcuni residenti della zona che hanno iniziato a sentire degli strani rumori provenire dal cimitero, avvicinandosi all’area hanno capito che si trattava di un pianto e hanno così scoperto il piccolo solo tra le lapidi.

Il piccolo è stato trovato lo scorso 28 maggio a Quezon, nelle Filippine, ma in questi gironi si è diffusa la notizia. Il bambino è stato subito trasportato in ospedale dove i medici si sono presi cura di lui e gli hanno dato anche un nome, Louis. Pare che il bimbo sia rimasto solo per diverse ore nel cimitero, ma nessuno ha saputo dire chi potrebbe avercelo messo: «Hanno detto che il bimbo è stato lasciato lì durante la notte e che sarebbe potuto essere molto peggio, se nessuno lo avesse sentito piangere la mattina», ha spiegato un residente.

Nella zona, come riporta anche il Daily Mail, ci sono molti cani randagi e il piccolo ha rischiato di essere aggredito e magari ucciso da uno di loro. Nonostante le disavventure ora sta bene, ma le autorità stanno indagando per capire chi sia il responsabile del terribile abbandono.

Il volo Ryanair parte con 20 ore di ritardo e ignora la presenza di una donna incinta: «Nessuno ci ha risarciti»

Il volo Ryanair parte con 20 ore di ritardo e ignora la presenza di una donna incinta: «Nessuno ci ha risarciti»
Prenota un volo con Ryanair da Nizza ma parte con 20 ore di ritardo, ma la storia prende una piega ai limiti del drammatico. Un disservizio che racconta l’utente in rete ma che  ha avuto un riscontro decisamente fastidioso. In aeroporto nessuno sapeva dare informazioni, ha inviato diversi tweet segnalando che una persona che avrebbe dovuto viaggiare nel velivolo era incinta, ma nessuna risposta.

«Le compagnie aeree sono vincolate dalla legislazione dell’UE per offrire assistenza mentre si attende un volo in ritardo, che dovrebbe includere cibo e bevande. Per quanto ne so, Ryanair non ha offerto nulla di tutto questo. Alcuni passeggeri mi hanno detto che avevano ricevuto 5 buoni Starbucks dall’aeroporto, ma a quell’ora Starbucks era chiuso», denuncia l’utenre al Telegraph, ma pare che quello fosse il problema minore. Il volo era stato cancellato e nessuno ha offerto loro alloggio.

Il giorno dopo,  con 20 ore di ritardo l’aereo, visibilmente sporco, atterra a Londra, ma quando viene chiesto il risarcimento nessuno acconsente a darlo. «Ryanair ha detto che non è dovuto alcun risarcimento, accusando la cancellazione dello sciopero e la chiusura di una pista a Stansted.». Purtroppo l’utente non ha avuto alcun risarcimento, quindi, né le scuse della compagnia, oltre ad aver perso tempo e soldi nel tentativo di raggiungere la meta desiderata

Carambola sulla statale in Puglia: distrutta una Ferrari nuova di zecca

La Ferrari coinvolta nell'incidente
Per fortuna nuessuno si è fatto male ma per molti sarà un dolore agli occhi vedere le condizioni in cui questa Ferrari California nuova di zecca è stata ridotta. L’auto, dal valore di circa 130mila euro, è letteralmente andata distrutta in un incidente che si è verificato questo pomeriggio lungo la statale 274 che collega Gallipoli a Santa Maria di Leuca, all’altezza dello svincolo per Taviano. Coinvolte tre auto: la supercar e una Toyota che viaggiavano in direzione Gallipoli, e una Mercedes che marciava in senso opposto. Quest’ultima, stando ai rilievi dei carabinieri, avrebbe urtato prima l’utilitaria e poi la Ferrari. Risultato: tre auto distrutte – tra cui proprio il bolide del Cavallino – e fortunatamente nessun ferito.

La nave Aquarius è arrivata nel porto di Valencia

La nave Aquarius delle ong Sos Mediterranèe e Medici senza frontiere è entrata nel porto di Valencia. A bordo ci sono 106 dei 629 migranti che erano stati soccorsi sabato scorso al largo della Libia. Dopo nove giorni in mare hanno toccato finalmente terra i 629 migranti che da sabato scorso erano a bordo della nave Aquarius. Il primo gruppo di loro, 274 persone, è entrato nel porto di Valencia a bordo di nave Dattilo della Guardia Costiera italiana. Una volta sbarcati i migranti, è entrata nel porto nave Aquarius con a bordo 106 persone, mentre per ultima entrerà Nave Orione della Marina militare italiana con 249 migranti.

Al molo 1 del porto di Valencia sono stati allestiti due grandi tendoni della Croce Rossa dove verrà effettuato il primo screening sanitario per i migranti: chi è in condizioni precarie di salute, le donne incinte e i bambini, verranno portati in ospedale mentre tutti gli altri saranno indirizzati nei diversi centri di accoglienza disposti dalla Generalitat valenciana in tutta la regione.

L’ingresso delle navi è stato scaglionato di tre ore: una scelta fatta per permettere la migliore assistenza possibile a tutti i migranti dopo giorni in mare. Sulla banchina del molo sono presenti circa 700 giornalisti da ogni parte d’Europa e sono tenuti ad una distanza di circa 200 metri dal punto in cui attraccano le navi.

Fino a che i governi europei non si prenderanno le proprie responsabilità #Aquarius sarà obbligata a continuare a condurre operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo, scrive in un tweet Medici senza frontiere.

Ti potrebbero interessare anche:

La donna delle pulizie apre un cassetto nella stanza di una coppia di anziani e guardate cosa trova

Se questo è un vostro timore, la storia che stiamo per raccontarvi dimostra invece l’onesta e la correttezza del personale di un albergo. I protagonisti sono due anziani coniugi che risiedevano a Ypsilanti in Michigan, ma volevano avvicinarsi alla famiglia che viveva a più di 500 miglia di distanza, in Kentucky. Dopo aver contattato un’agenzia di traslochi per trasferire tutte le loro cose, partirono per raggiungere la loro nuova casa. Avevano con loro una considerevole somma di denaro, destinata probabilmente ad affrontare le prime spese serenamente al loro arrivo in Kentucky. (continua a leggere dopo l’immagine)

I coniugi viaggiavano quindi, con 11.000 dollari in contanti. Arrivati finalmente nella loro nuova casa, hanno fatto però una scoperta scioccante. Alla donna mancava una borsa. La cercarono ovunque e non sapevano più cosa fare, ma fortunatamente un angelo custode vegliava su di loro. Brigid Murray, la donna delle pulizie dell’Ann Arbor Regent Hotel, l’albergo dove i coniugi avevano soggiornato, aveva trovato la borsa in fondo ad un cassetto mentre metteva in ordine la stanza per un cliente successivo. (continua a leggere dopo l’immagine)

Avrebbe potuto prenderla, ma l’idea di tenere quel denaro per sé, era fuori discussione: sarebbe stata una cattiva azione e Brigid è una donna onesta e di gran cuore.
Il figlio dell’anziana coppia ha riferito che i genitori hanno pianto a lungo quando hanno saputo che la donna aveva trovato la borsa e voleva restituirla. I colleghi di Brigid hanno lodato ed ammirato l’onestà della donna che è un vanto anche per loro. Nel mondo vivono ancora persone con un cuore d’ore, oneste e laboriose. Condividiamo questa storia come omaggio a tutti loro.

Diciassettenne viene scartata da un colloquio di lavoro a causa del nome

Voleva trovare un lavoretto per avere un po’ di indipendenza dalla sua famiglia, ma una 17enne è stata solo umiliata durante il colloquio. Jordanna Ellesmor desiderava mettere da parte dei soldi per potersi permettere degli svaghi, così ha voluto rispondere a un annuncio di lavoro, ma non avrebbe mai immaginato che le cose potessero andare tanto male. L’adolescente ha presentato il suo curriculim al Café Costa (catena di bar molto diffusa nei paesi britannici) vicino casa, a Neath (Galles), dopo che un suo

amico che già ci lavorava le aveva consigliato di farlo. Dopo il colloquio credeva che tutto fosse andato per il meglio visto che le era stato promesso che appena si fosse liberata una posizione sarebbe stata presa in considerazione, ma quando ha chiesto informazioni al’amico questo le ha risposto che era stata scartata.

La ragazza ha chiesto il motivo di tanta sfiducia e tramite un sms le è stato risposto che era nel suo nome, considerato da chi le aveva fatto il colloquio “ridicolo”. La ragazza, profondamente delusa, non si è però arresta e ha denunciato l’accaduto su Facebook: «Sono stata sinceramente umiliata. Ho solo 17 anni è non mi capacito che possano capitare cose simili». Il post è diventato in breve tempo virale, tanto che la direzione del Café ha diffuso una nota per scusarsi con la 17enne: «Abbiamo parlato con il team personalmente che attualmente è sconvolto per quanto accaduto non immaginando di aver offeso la potenziale nuova collaboratrice».

Malessere per Di Maio in Consiglio dei ministri: il vicepremier in infermeria „Malessere per Di Maio in Consiglio dei ministri: il vicepremier in infermeria“ Potrebbe interessarti:

230759366-6d68d021-f034-47dc-80c7-ab5882ed5c56 (1)Indisposizione per Luigi Di Maio nel corso del Consiglio dei ministri di ieri. Il vicepremier, a quanto apprende l’Adnkronos, è stato costretto a lasciare i lavori della riunione per recarsi nell’infermeria di Palazzo Chigi. “Ho avuto una reazione allergica a un alimento”, spiega. Ci sono voci che parlano di un’interruzione di circa mezz’ora della riunione di governo, ma il leader del Movimento 5 stelle assicura che il contrattempo non ha inciso sui lavori del Cdm, che non è stato nemmeno sospeso: “Sono entrato e uscito dal Cdm che non è stato interrotto. Ho risolto tutto a Palazzo Chigi e non sono stato in ospedale”

 

Roma, minore figlio di un Casamonica pesta un 48enne e gli rompe la mandibola

di Marco De Risi
Massacrato di botte alla Romanina da un minore, figlio di un Casamonica che era in compagnia di altri amici, anche loro figli di nomadi colpiti da più inchieste giudiziarie. La vittima ha 48 anni, è romano, ed ha osato avvicinare la comitiva di ragazzi, fra i 15 ed i 17 anni, per pregarli di non fare più i bulli con il figlio che da mesi sopporta le angherie dei coetanei. Erano le 19 di martedì su un tratto di via Libero Leonardi, una traversa di via Ciamarra, proprio nel quartiere dove sono avvenuti i recenti…