Su Pole Good Magazine esce l’intervista della stupenda ALBERA AMBRA.

www.sundrawPhoto.comAlyona4 - CopiaBellezza e stile …
Dalla Lettonia, Alyona Amber ci racconta come è arrivata a Pole Dance, e cosa significa per lei questa disciplina. Campione in diversi campionati esotici, ci invita a saperne di più, in un’intervista esclusiva!
Ambra, vuoi dirci come sei arrivato a Pole Dance?

Ho ballato per molti anni e una volta ho accettato un contratto in un circo come uno spettacolo di danza. Gli acrobati del circo mi hanno ispirato a provare la pole dance.

Com’è la tua vita fuori dallo sport?

Tutta la mia vita è una danza. Al momento sto lavorando a due lavori legati alla danza. Il resto del tempo dormo e mangio. La situazione viene salvata dal viaggio. Viaggiare mi aiuta a rilassarmi ea trovare ispirazione.

Nella tua carriera di atleta del Polo, quali momenti vorresti evidenziare?

Due dei momenti più luminosi:

La mia prima esibizione alle competizioni. Mi sono esibito con il numero del serpente alle gare di Pole Emotion in Lettonia e mi sono preoccupato fino al giorno della competizione di circa 3 mesi. Non dimenticherò mai come mi sono seduto sul palco e ho preso un respiro profondo e mi sono dato alla danza.

Invito al workshop in Brasile. Non avrei mai pensato che avrei viaggiato così lontano. Ero molto emozionato e questo viaggio rimarrà nel mio cuore per sempre. È molto bello che la pole dance unisca i ballerini di tutto il mondo e che ci sia l’opportunità di incontrare tutti.

Qualche frase ti identifica?

“La cosa più importante è goderti la vita – essere felice – è tutto ciò che conta”.

Secondo la tua esperienza, quali sono i benefici che la disciplina della Pole Dance porta agli atleti che la praticano?

Tutti i ballerini e gli atleti hanno un vantaggio rispetto alle persone che non hanno fatto nulla del genere. Perché conoscono meglio il loro corpo e sono in grado di controllarlo. Ma questo non significa che la pole dance non sia disponibile per tutti. Hai solo bisogno di iniziare e lavorare sodo. La pole dance è uno sport molto grato. Lo vedo guardando i miei studenti.

Con quali altre discipline segui questa attività?

Frequento corsi di danza di stili diversi.

Premi, menzionali:

3 ° posto – Categoria “Zodiac Championship” Categoria Stars (Moscow) 2018

Vincitore del Grand Prix – Pro Exotic Show 2017 “Pole Emotion”

1 ° classificato – Semi Pro Classique e vincitore assoluto “Pole Theatre UK” 2017

1 ° posto – Flow categoria “Generazione esotica” (Mosca) 2017

1 ° posto – Flusso di categoria “Generazione esotica” (Italia) 2017

1 ° posto – Categoria “Pole Emotion” Semi Pro Exotic 2016

Alice Gottardo: Esce su Personal Triner Italia la nuova intervista

Senza titolo-1.jpg

Il nome Alice Gottardo potrebbe non dirvi nulla, nemmeno se ci pensate con particolare concentrazione. Una cantante? una attrice? No, In realtà, si tratta della vincitrice del campionato Italiana WABBA a Rimini wellness categoria bikini 2018 Segno zodiacale cancro, istruttrice di fitness musicale e di numerosi corsi Les Mills. Ma Alice è una donna interessante anche sotto altri punti di vista come la sua filosofia, come la causa che sostiene, cioè contribuire a rendere il pianeta un posto migliore…  il suo sorriso è il suo migliore biglietto da visita che conquista chiunque le stia vicino, un magnifico ritratto for ever young,  la sua  espressione sembra strappata ad un  delle donne dell’artista Modigliani, un sorriso dolce,  Alice si nutre di tutte le creative passioni che le animano lo spirito, dalla danza, al fitness, oggi ci racconta e si racconta nella sua intervista.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Riconoscimenti professionali esempio attestati:  Come ti vedi tra 5 anni? : Tra 5 anni mi vedo un’atleta Bikini con una forma migliore, ma con la stessa tenacia, determinazione e voglia di migliorare ancora.  Sei una

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo ?

Mi sono laureata in Lingue e Letterature moderne straniere presso l’università degli studi di Torino, ma ho deciso di inseguire la mia passione per il mondo del fitness e così mi sono formata per diventare istruttrice di fitness e, in particolare, di corsi musicali, affrontando numerose formazioni. Attualmente lavoro come istruttrice di fitness in quattro centri e sono responsabile del settore in uno di questi.

Musica preferita : Tutta quella che è in grado di trasmettermi un’ emozione.

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Ho sempre avuto un debole fin da molto giovane per la cura del proprio corpo, buttandomi talvolta in diete fai da te spesso senza senso lo ammetto, solo nell’intento di guardarmi allo specchio e vedermi migliore. Ho sempre fatto sport sin da piccola praticando danza per 13 anni e, in contemporanea, avvicinandomi pian piano al fitness all’età di 14 anni circa. Ho continuato a frequentare corsi di fitness e la sala pesi, ma senza mai riuscire ad apprezzare e accettare la mia forma fisica, che non vedevo cambiare come avrei voluto. Ecco che col bodybuilding ho scoperto tutto ciò che poteva donarmi il corpo che desideravo, con costanza, impegno, dedizione e sacrificio.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Oggi mi definisco una persona che fa della sua determinazione il suo punto di forza; una persona che pian piano, grazie a questo sport, sta acquisendo più sicurezza in sè stessa, che sa scegliere ciò che è meglio per il suo bene e la propria felicità.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Come dicevo precedentemente, ho sempre avuto un debole per la cura del proprio aspetto e in particolare del proprio corpo, così dopo qualche anno che frequentavo ormai assiduamente la palestra ho deciso di volere di più, di voler vedere il mio corpo cambiare veramente e sapevo che il solo allenamento non sarebbe bastato, così ho iniziato a farmi seguire da professionisti del settore fino a decidere di voler ottenere con ogni sacrificio una condizione da gara e fu proprio così, guardando sognante i corpi delle atlete Bikini, che decisi di mettermi in gioco e iniziare a gareggiare. Diedi il mio corpo in mano al mio attuale preparatore ed eccomi qui un anno dopo, più felice, più sicura di me stessa e con la consapevolezza di potere e volere migliorare anno dopo anno, gara dopo gara, ad ogni costo.

Cosa ti piace di questo sport?

Sinceramente? Vi sembrerà banale, ma tutto. Amo davvero ogni aspetto di questo sport. Il modo in cui esso cambia non solo il tuo corpo, ma la tua mente, la tua vita, tutto ciò che è il tuo essere, forgia il tuo carattere e fa emergere aspetti della tua personalità che non conoscevi. Ti fa rendere conto di quanta forza tu possa avere, di quanto tu sia in grado di lottare e non arrenderti mai, nonostante tutto.

Hai un motto?

Ne ho molti, ma forse quello che più preferisco è una delle frasi che ho tatuate: “after an hurricane comes a rainbow”. Perché dopo un momento no credo che dobbiamo sempre aspettarci un momento sì nella vita, e andare avanti col sorriso in sua attesa.

Cosa significa per te essere bella?

Come ogni donna, mi trovo mille difetti e non mi sento bella, ma questo sport mi ha insegnato anche ad apprezzarmi di più dentro e fuori. Sentirsi bella significa per me sentirmi più sicura di me stessa in tutto.

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

Credo più che altro in un’entità superiore, al di sopra di tutto, alla quale rivolgersi nei momenti bui e nella quale cercare conforto. Credo che ognuno sia libero di attribuire a questa entità il nome e l’immagine che più gli trasmette sicurezza e pace.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se si in cosa?  Sì, credo davvero che questo sport mi abbia cambiata in meglio su molti aspetti. In primis ha cambiato il mio ideale di corpo femminile: da un’idea di magrezza estrema e non sana, a un fisico muscoloso, tonico, forte e in salute.
Mi ha resa ancora più determinata e tenace di quanto non pensassi, mi ha insegnato ad amarmi di più e ad apprezzare di più la mia persona e il mio corpo.
Posso affermare che da un lato questo sport mi abbia salvata, mi ha donato una pace interiore e una serenità che nulla è mai stato in grado di darmi.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Credo che alla base di questo sport ci siano due chiavi fondamentali: alimentazione e allenamento. Gli integratori, come si può appunto dedurre dalla parola stessa, vanno a integrare ciò che non può essere assunto con gli alimenti, ma ovviamente il troppo stroppia… in tutto!

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto? : Non ho mai pensato di mollare veramente, perché amo troppo questa disciplina per mollare, anche nei momenti bui, e durante una preparazione ce ne sono davvero tanti: momenti in cui ti vedi male, non ti vedi migliorare, vedi chiunque migliore di te, giornate no a cui vorresti rimediare e consolarti con un bel dolce, ma tieni duro perché non puoi, perché sarai orgogliosa di te stessa di esserci riuscita e aver resistito.

Credi nell’amore?

Sì credo nell’amore. Ma non nell’amore perfetto, non quello sdolcinato e romantico dei film, credo nell’amore imperfetto, che rende perfetti te e l’altra persona insieme.

La tua cucina preferita? Amo i dolci, non esiste dolce che non mangerei credo.

Il piatto che ami cucinare di più? : Non so cucinare niente a parte riso e pollo e pancakes.

il tuo rapporto con l’ambizione? Credo che l’ambizione sia tutto ciò che ci rende vivi: le nostre ambizioni fanno sì che la nostra sia una vita degna di essere vissuta.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba? Ovviamente top e shorts!

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Per essere ricordata tra 100 anni dovrei aver fatto qualcosa di davvero straordinario nella vita! Ho ancora tante belle pagine da scrivere mi auguro, ma che non conosco ancora…

il tuo rapporto con i social?

Moooolto stretto, vivo sui social lo ammetto. Credo che i social siano oggi un potentissimo mezzo di comunicazione, in grado di dare visibilità a chiunque lo desideri. In particolare adoro fare e guardare le stories, soprattutto quelle di altri atleti, su Instagram.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso: Un’altra frase a me molto cara, anch’essa tatuata, presa dall’Othello di Shakespeare: “i nostri corpi sono giardini e le nostre volontà ne sono i giardinieri”.

Sei ottimista o pessimista sul futuro? Cerco di essere sempre ottimista sul futuro. Il pessimismo non conduce mai a nulla di buono.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Sicuramente i miei genitori, che mi hanno sempre supportata e incoraggiata in tutto, aiutandomi in ogni modo possibile; e il mio ragazzo, col quale condivido questa splendida passione.

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti?

Solo un consiglio: quello di domandarsi, prima di intraprendere questo percorso, se è disposto a fare tutti i sacrifici che questa splendida disciplina richiede, perché li merita tutti.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale eo di formazione nella tua vita?

No, penso di no.
Anche se ho studiato e mi sono laureata in un ramo completamente diverso dal mio lavoro, inseguire le proprie passioni non può mai essere sbagliato, perché ci rende felici: inoltre mi piace insegnare alle persone ad allenarsi, educarle a prendersi cura di sè o semplicemente aiutarle a sfogarsi dopo una giornata no.

Un ultimo domanda … il senso della vita?

Ognuno attribuisce alla propria vita un significato diverso. Il mio è quello di realizzare i propri sogni, essere felici perseguendo i propri obiettivi, rimanendo sempre affamati di ambizioni e averne sempre di nuove.

Pole Good – Una nuova intervista fiammante

The  INTERNATIONAL POLE CONVENTION (PoleCon)  is a special event that celebrates diversity, freedom and creativity …

Colleen Jolly, the organizer, tells us about the organization of this event, which will take place in Denver, Colorado, USA, next year in the month of June ..

Date of the event ?: June 6-9, 2019

Place of the event?: Denver, Colorado USA

What is this competition about?

THE INTERNATIONAL POLE CONVENTION, also commonly known as PoleCon, celebrates the diversity of the pole dance/pole fitness community. Come to learn, share and grow with men and women of all shapes, sizes, ages, ethnicities and fitness levels then stay for the community. #poleconisforeveryone

THE INTERNATIONAL POLE CONVENTION annual event showcases performances, a vendor hall, free movement-based workshops and seminars, and pay-for pole and non-pole workshops that moves to a new location every year. Next year will be in Denver, Colorado.

 What expectations do you have with this competition?

To showcase and celebrate all elements of the pole community.

How many items do they have?

We organize several thematic showcases such as Pole Comedy, Sexy, Men of Pole, etc.

How many athletes do you expect to participate? 300+

Anything else you want to highlight?

The purpose of THE INTERNATIONAL POLE CONVENTION is to celebrate the diverse pole dance/pole fitness community through education and events. We take our commitment to diversity very seriously and are always striving to reflect every aspect of that community.

CREDIT PHOTOSLakin Jones Photography

 

Thank you Colleen Jolly for allowing us to spread the discipline of Pole 

Vanesa S. Zylinski- POLEGOOD Magazine

All information at http://www.poleconvention.com

info@poleconvention.com

Fabio Miani: Il Mondo Che Vorrei

Fabio Miani
Fabio Miani

Ogni sua canzone arriva dall’aria, dall’anima come un ritmo che torna da lontano, come un pensiero, un chiodo fisso. I suoi personaggi entrano nella vita del cantautore  trevigiano Fabio Miani come fantasmi e nello stesso modo vanno via. la sua musica è un viaggio avanti e indietro nel tempo in cerca di quel qualcuno che forse gli appartiene: È come se la canzone esistesse già… stai suonando e ti arriva come un colpo di fucile. In quel momento l’hai catturata: è tua. Da lì in poi continui con una specie di formicolio sotto lo sterno. Quindi canzoni, poesie che scelgono il linguaggio della musica per raccontare avvolte una cruda realtà, pragmatica e schietta. Ma soprattutto tanta “poesie”, che tenta in un modo disperato di far sognare una realtà migliore.

 

Quali sono stati i momenti più significativi della tua carriera?

Probabilmente le fasi di maggiore creatività compositiva. Altrettanto importanti sono state alcune esperienze live: ho avuto la fortuna di collaborare dal vivo con alcuni grandi musicisti, e non c’è modo migliore per crescere artisticamente.

 

Come nasce l’esigenza di diventare cantautore?

Nel mio caso non si tratta di una decisione. Viene da sé, io non compongo sempre: va a periodi. L’esigenza che ho sempre avuto è piuttosto quella di avere costantemente tra le zampe qualcosa da suonare, preferibilmente corde, meglio se quattro, montate su un bel basso.

Un giudizio artistico sul tuo ultimo lavoro.

Il singolo “Gli occhi di Diabolik” è l’unica canzone del mio repertorio a non avere un testo scritto da me, ma da Alessandro Baggi. Suoni moderni, ma al contempo un ritorno al rock, chitarre “vere”, registrate dagli amplificatori valvolari, basso ruggente, e un bel videoclip in stile “noir”. Ne sono pienamente soddisfatto.

Qual è la cosa più difficile da trasmettere al pubblico?

 L’emozione.

Come nasce una tua canzone?

 È come se la canzone esistesse già… stai suonando e ti arriva come un colpo di fucile. In quel momento l’hai catturata: è tua. Da lì in poi continui con una specie di formicolio sotto lo sterno. 

C’è una canzone a cui sei particolarmente legato? E perché?

Tra le mie forse “l’uomo dei libri” per la storia vera che racconta. Tra le altre invece dovrei fare un lungo elenco… italiane, internazionali, dal folk al pop, dal blue’s all’heavy metal. Diciamo che oggi vince “I giardini di marzo”: la mia prima vera scossa emotiva. Ero molto piccolo, e ancora oggi mi volta via. Non serve che vi dica l’autore vero? 

In questo momento dove sono concentrati i tuoi impegni artistici?

Nella preparazione del prossima stagione di concerti. Ho una nuova band, ho scelto la formazione “power trio” a me particolarmente congeniale, come si vede sul videoclip de “Gli occhi di Diabolik”, per capirci.

Nella tua vita privata che cos’accade nel frattempo?

 Quando non sono chiuso nel mio studio a suonare, amo fare lunghe chiacchierate con il mio cane Joker (lo vedete sul mio profilo Instagram) che è un grande pensatore, specializzato in filosofia strutturalista. Per il resto corro per le campagne della bassa lombarda, sollevo pesi e bevo il vino.

Un’ ultima domanda: il senso della vita?

Sta nel suo rapporto con il tempo. L’uomo è generalmente ossessionato dal voler vivere più a lungo possibile. Io preferisco aggiungere vita agli anni, invece che anni alla vita.

 

Quando salgo sul palco in genere mi riesce di farlo.

iTunes:

https://itunes.apple.com/it/artist/fabio-miani/1255492167

YouTube:

https://www.youtube.com/channel/UCJK_zxfDnhepGEtGt39LHaA

Facebook:

https://www.facebook.com/fabiomianiofficialpage/

Official web site:

http://fabiomiani.it/

CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo
Franco Fasciolo

CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo FRANCO FASCIOLO
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo
CREDIT FOTO https://www.facebook.com/francofasciolo Franco Fasciolo

 

Esce Su Pole Good l’intervista della campionessa del mondo. Anastasia Skukhtorova.

Questo slideshow richiede JavaScript.

-“Non mollare mai. Credi sempre in te stesso.”-
In un’atmosfera ideale, dove musica e corpo si fondono, i movimenti sottili e delicati accendono la magia di una performance di eccellenza. Dalla Russia, intervistato molto speciale … ANASTASIA SKUKHTOROVA.
Anastasia, cosa ti ha spinto ad avvicinarti alla Pole Dance?

Ho sempre voluto fare il ballerino. Amo la musica. Amore che esprime i sentimenti attraverso la danza. Adoro quel polacco che mi sfida. C’è sempre qualcosa da imparare.

Com’è la tua vita fuori dallo sport?

Vivo con il mio ragazzo a Copenhagen.

Incontro con i miei amici lì, allenati insieme sul palo. Prendendo diversi laboratori e lezioni di danza.

Imparare a fare il trucco. Questa è la mia nuova ossessione ora. I LOVE make up. E vogliono continuare ad imparare sempre di più.

Quali sono stati i migliori momenti della tua carriera artistica?

Vincere la World Pole Cup e diventare 2d runner up in Pole Art originale è stato fantastico. E il mio sogno. Quindi sono molto felice che sia successo nella mia vita.

Esibirsi in uno dei più grandi circhi del mondo sul palo – Le Noir. È stata un’esperienza incredibile anche.

Anche lavorando nel primo circo / teatro in Russia – il centro di Leningrado a San Pietroburgo come solista sulla cima del palo è stato fantastico!

Qualche frase ti identifica?

Non mollare mai. Credi sempre in te stesso.

Secondo la tua esperienza, quali sono i benefici che la disciplina della Pole Dance porta agli atleti che la praticano?

Rende le donne o gli uomini fiduciosi, ti fa amare il tuo corpo, sii orgoglioso di ciò. Diventi in forma, sexy, forte, flessibile, sano. Così tante cose positive su Pole.

Come percepisci lo sviluppo della disciplina polare in Danimarca?

Ho suonato di recente a Danmark Har Talent e sono diventato un secondo classificato. Volevo mostrare alla Danimarca che Pole può essere un’arte, un teatro, una storia. E penso di averlo fatto.

Con quali altre discipline segui questa attività?

Palestra, danza classica, danza contemporanea, sete aeree e cerchio. Anche l’arrampicata è fantastica! Bouldering.

Un messaggio che vuoi lasciarci?

Ora molte persone dimenticano perché hanno iniziato la pole dance. Con Instagram è diventato come una gara di chi ha fatto il meglio e il trucco più recente.

Quindi penso che sia importante ricordare perché hai iniziato. E fallo per te. Non per altre persone.

Goditi ogni lezione, ogni allenamento. Ascolta il tuo corpo. Stai attento con le ferite. Allenati in palestra o con una fascia elastica in quanto aiuta a prevenire lesioni sul palo.

Non essere troppo critico con te stesso. Sii orgoglioso di ciò che hai raggiunto.

Premi, menzionali:

Vincitore della World Pole Cup 2012/2013,

2d runner up in Pole Art originale 2012.

2d runner up in World Pole Cup 2011.

Il ballerino del palo più fotogenico 2014

The most photogenic pole dancer 2014.

 

 PERSONAL INFORMATION Full Name: Anastasia Skukhtorova Where were you born?: Moscow  Birthdate? 06th of April 1990 Where do you live?: I live with my boyfriend in Copenhagen. Zodiac sign?: Aries Music you prefer ?: pop and classical. Love Jason Mraz.

Break Magazine foto:Moscow Chiks Due donne alla conqusita del mondo

Moscow Chiks is a musical project from Russia, which conquers the whole world, and not only the world…The Moscow Chiks are the cousins: Luna and Youlya. Their associates not only consanguinity, but also music, a project which is over 10 years. They are two DJs, musicians and producers. They promote underground music genres in Russia, and not only Russia, such as techno and techhouse.

ww

Moscow Chiks

0403

11

Before this job what did you do?

Since childhood we have been engaged in music. We studied at the music school: Luna by piano class, Youlya  on the vocal direction. As a child, we lived in the country when it was difficult to get a cassette with music, but we were lucky we listened to The Prodigy, Antiloop and others Like all normal people after graduation, we entered in universities.We studied very much. Youlya was educated as an economist and Luna as a lawyer.

How does the idea for this work come about?

There was a time when we were already DJs and touring each with our project, and then something went wrong and The Moscow Chiks appeared. What happens in your private life.In our personal life now only music, work in the studio, tours around the world, airports, flights, lack of sleep, jetlags, many people, party and our performances.

What do you like about this job?

Our work is not only self-expression. First of all, we want to give love to people by means of music. We travel a lot, we see countries, people, see how they live.  Recently slept on a cold glass at the airport of Barcelona, ​​it happened because of the long waiting time between flights. This also has its own romance.

Is there a place in the world where you would like to go and live?

We like to live in Russia, but this does not cancel the fact that we like to travel. Recently we arrived from Ibiza, we lived there for two weeks and have already gotten used to this place, although Ibiza is not the place for a calm measured life. But in general we like everywhere, the most important thing in the environment of what kind of people you are.

 A high question the meaning of life?

Often being in the studio and working on the tracks, we are immersed in another world. This question is very complicated, but interesting. We think that every person, and every creature in this universe, thinks about this question: who Im, where Im from, what should I do, right or wrong? All this is very difficult, but also simple. The most important thing is to live in harmony with yourself, do what you like, dream, love, hate, struggle with difficulties, the most important thing is not to sit still and not wait for something to happen in your life.

  

Questo slideshow richiede JavaScript.

Su Break Magazine Elisabetta Fantone: la Star che si rivela

Ecco L’intervista Di Break Magazine foto :http://www.breakmagazine.it/elisabetta-fantone-lemblema-dellautenticita/

credit photo John Ciambrone
credit photo John Ciambrone

Cuore ribelle, spirito libero, stiamo parlando di Elisabetta Fantone, artista e attrice americana di grande successo, la sua creatività è diventare un’esperienza imperdibile, un’occasione per comprendere il proprio inconscio, ogni approccia alle sue opere sono gestite in maniera diversa, con lo stile unico ed autentico, un arte che  sta contagiando sempre più un grande pubblico su scala internazionale, tutto questo grazie alla particolarità, alla sua fervida fantasia,  un arte dunque che sta facendo il giro del mondo dagli Stati Uniti, al Canada passando per L’Europa. Ma Elisabetta Fantone È anche una persona semplice, speciale e soprattutto una splendida mamma.  Nata in Canada da una famiglia di origine Italina, oggi è diventata una POP del Reality americano, trasferirsi a Miami dove attualmente vive. Nella sua lunga biografia la troviamo sempre  in un ruoli di grande spessore come in “Big Eyes” diretto da Tim Burton.  Attualmente Elisabetta è impegnata a girare una fiction come protagonista per una produzione Major Network.  Romantica, sentimentale, Elisabetta è una vera donna semplice e complessa allo stesso modo, Elisabetta ama senza ombra di dubbio sperimentare, Folle e pragmatica lascia trasparire in ogni sua parola l’entusiasmo che ha per la vita ed ecco allora la sua intervista autentica, reale dove traccia un piccolo bilancio della sua vita e dice: c’è ancora molto da impara.

Ciao grazie per aver accettato la nostra intervista su BREAK MAGAZINE come prima domanda ti vorrei chiedere quali sono stati i momenti più significativi della tua carriera?

Mi considero fortunata perché ho avuto molti momenti significativi nella mia carriera, sia con la mia carriera di recitazione che con la mia pittura. Sono stata in alcune produzioni televisive e cinematografiche che sono  state piuttosto gratificanti come il mio primo film, My Name is Sandy e Big Eyes di Tim Burton, dove ho avuto modo di condividere lo schermo con Amy Adams e il grande Christophe Waltz. Ho pubblicato due libri, ho disegnato due orologi per CORUM, l’orologiaio di fama mondiale, ho collaborato con Marie Saint Pierre, una designer di moda internazionale, su una linea di abiti, ho dipinto numerosi murales di grandi dimensioni, due dei quali si trovano a Wynwood, Miami e che è considerato uno dei quartieri artistici più importanti del Nord America e mi è stato commissionato di dipingere alcune delle celebrità più famose del mondo come Muhammad Ali, Celine Dion e le Kardashian. Più recentemente, ho rinnovato artisticamente il National Hotel di Miami Beach, compreso il rifacimento totale di una suite che ora rivela il mio nome, che è piuttosto gratificante.

Che rapporto hai con la tua bellezza?

Contro quello che molti potrebbero pensare, il mio aspetto non è sempre stato positivo nella mia carriera artistica. Ho dovuto lavorare sodo ed essere estremamente persistente per far parlare il mio lavoro da solo. Ho ricevuto molti “no” prima di sentire un “sì”. Penso che una persona possa essere fisicamente carina, ma ciò che può essere veramente descritto come essere di pura bellezza è la mente e il cuore.

 Prima attrice poi artista ci racconta come ti sei avvicinata all’arte.

L’arte mi ha sempre dato un senso di sé. Ho sempre trovato un certo conforto nell’arte. Sin dalla tenera età guardavo sempre altri artisti e il lavoro che stavano facendo e mi sono ritrovato ad avere questa straordinaria attrazione. Potrei fissare un dipinto per ore e ore, estasiato. Anche se non l’ho sempre capito, ero molto consapevole di come mi sentisse. Sapevo di voler essere parte del dialogo e volevo essere in grado di crearlo per lo spettatore. Volevo essere un partecipante. Ho iniziato la mia carriera senza sapere che sarebbe diventata una carriera. Tutto è accaduto davvero in modo organico. Dai miei anni più giovani sono sempre stata molto abile quando si trattava di arte. All’università ho continuato a studiare arti creativi e poi ho continuato a studiare interior design e architettura, dove sono stato esposto a diverse tecniche artistiche. Nel 2006 avevo raccolto abbastanza opere per chiamarlo collezione e attirò l’attenzione di un curatore che mi ha regalato la mia prima mostra personale. Sono stato molto fortunata a iniziare la mia carriera in quel modo. Non avrei mai potuto davvero immaginare che un giorno sarei stato in grado di guadagnarmi da vivere facendo l’artista.

Oggi cosa rappresenta per te l’arte?

L’arte è potente. Credo che l’arte abbia il potere di cambiare il mondo e connettere tutti. L’arte è un’esperienza di vita intensa e vivida che cerco di condividere con gli altri attraverso il mio lavoro. Voglio toccare tutti su uno su uno. Faccio arte che è un riflesso del mondo in cui vivo e mi affido a idee universali per catturare lo spettatore e invitarlo all’esperienza, perché tutto ciò che riguarda l’arte è esperienza.

Da dove tra origine la tua arte?

Sono sempre stata affascinato dalle persone e dalle loro storie. Ho perfezionato le mie capacità di ritrattista per molti anni. Sono stato particolarmente stimolata da alcuni dei più grandi artisti del mondo di ieri e di oggi. Ricreando ritratti famosi, i miei dipinti sono spesso influenzati dalla cultura pop degli anni ’50. Il colore è il cuore del mio lavoro. Ho scelto di riempire ciascuna delle mie tele con sfumature e tinte attentamente orchestrate, creando immagini che lasciano un senso di piacere rilassante allo spettatore. Il mio interesse nel creare questi ritratti è quello di catturare l’essenza della persona e non la persona. Sotto la superficie di alcuni dei miei colorati dipinti caotici giace il sottotesto di vitalità e mortalità. Sono infatuazione dell’esistenza. La vita è brillante ma è anche fragile

 Esiste un equilibrio tra la vita da attore e quella di artista?

Si tratta di gestire il tuo tempo con saggezza. Sapere dove stai andando e stabilirti degli obiettivi. Preferisco affrontare un progetto alla volta, dedicargli tutta la mia attenzione e la mia energia per assicurarmi di farlo bene prima di passare a quello successivo. Si tratta anche di dire “no” al superfluo. Il tempo è prezioso

C’è un’opera a cui sei particolarmente legata? E perché?

Ci sono molti progetti artistici di cui sono davvero orgoglioso. Metto molto amore e passione nel mio lavoro. La parte che preferisco in ciò che faccio è avere un’idea, qualcosa di intangibile e farlo prendere vita. Più di recente, ho progettato un segnatempo per la nuova collezione Bubble Watch di Corum. Ho un enorme rispetto per il marchio e sono oltre onorato per la nostra collaborazione. Ho sempre messo in discussione cosa rende la “Mona Lisa” un capolavoro e cosa la rende così famosa. Il principio di ‘Cumulative Advantage’ è ciò che mi ha ispirato a creare il quadrante per il segnatempo. Il fenomeno in cui i “ricchi diventano più ricchi ei poveri diventano più poveri”. In questo caso, è usato metaforicamente, riferendosi alla popolarità della Gioconda. Ho anche progettato la scatola di orologi ispirata al Louvre, sede della “Mona Lisa”.

 Che rapporto ha una donna cosi straordinaria come te con il tuo corpo?

Il mio corpo ha dato vita, nutrito e cresciuto un essere umano bello e sano. Ciò mi porta a rispettarlo, a prendermene cura e ad amarlo.

 In questo momento dove sono concentrati le tue energie?

Attualmente sto lavorando a due grandi progetti televisivi. Uno è una nuova serie americana di sceneggiature intitolata Paper Empire di Robert Gillings e l’altra è un importante programma televisivo canadese intitolato XOXO. Entrambi devono essere mandati in onda questo autunno. Sto anche lavorando a diversi nuovi pezzi d’arte e continuando la mia collaborazione con il marchio di orologi di lusso CORUM. Tutto questo pur essendo una madre e una moglie a tempo pieno!

 Mentre nella tua vita privata cosa accade?

Fortunatamente, i miei giorni non sono mai monotoni. Vivo una vita non convenzionale che mi lascia aperta a nuove correnti di creatività. Devo sapere che sono libera e padrone dei miei giorni. È l’essenza della mia immaginazione. Mi sveglio e abbraccio il giorno. A volte i miei giorni sono notti. Qualunque sia, coinvolge sempre la creazione e l’essere madre per la mia figlia di due anni.

 Un’ultima domanda il senso della vita?

È una domanda senza tempo credo che tutti abbiamo faticato a trovare la risposta in un dato momento. Penso che in fondo tutti abbiamo questo desiderio, che esortiamo a fare la differenza e a dare un senso alla nostra vita, ad aiutare gli altri. Ho soddisfatto questo desiderio attraverso la mia arte ma ho trovato un vero scopo con la nascita di mia figlia. Questa piccola creatura ha trovato un modo per darmi la risposta senza dire una parola. Io questo senso Credo che tutto dipenda dal puro amore e felicità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

elisabetta_interview_12

III

Senza titolo-2

Image6

Su Pole Good L’intervista escusia a Laurita Ramos.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lauri14su http://www.polegood.com  l’intervista della sexy star.

“Concentrati su tutto ciò che hai, e non su tutto ciò che ti manca” –
Laurita Ramos è una donna intensa e autorizzata, capace di scoprire la magia delle delizie di tutti i giorni. Confessa che ha trovato nel polacco, un modo per elevare il suo essere … Vi invitiamo ad incontrarla.
Abilità e competenze:

Altruistico, perseverante, positivo, curioso, intraprendente e abilitato.
La mia più grande abilità è materializzare i miei pensieri.
La mia qualità sta mostrando me come io sono, in un mondo in cui siamo in qualche modo determinata da incontrare alcuni mandati, ho il coraggio di essere vero, io sono coraggioso e confido la mia intuizione di essere fedele a quello che sento, io rispetto i miei processi. La bussola interiore che guida il mio percorso è il mio benessere e la mia felicità.
Le paure non mi fermano, penso che tutti abbiano ciò che è permesso. Mi sento fortunato e grato per le possibilità che ho avuto, ho e avrò; Io ricevo tutto con amore, vivo nel presente e sento che grandi cose mi attendono.

Il mio motto è: “Se mi ho servito solo, allora non serve a me” ogni volta che ho l’opportunità di aiutare qualcuno che non dubito, sono grato che il posto che dà e non ha bisogno.
Riceviamo ciò che diamo, sono guidato da valori come l’impegno, il rispetto e cerco di non essere assorbito dall’ego, capisco che l’unica cosa permanente è il cambiamento. La mia più grande abilità è FLESSIBILITÀ e ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO.

Interessi personali e hobby:

Il mio interesse personale è quello di essere felici (come all’interno all’esterno) empoderarme guardo come una donna e condivido quel processo, trasmettendo alla gente intorno a me, o perché mi seguono o linkami di persona o attraverso i social network di essere infettati del desiderio di eccellere.
Mi piace allenarmi, spirito, mente e corpo.
Mi piace meditare ed essere consapevole delle mie emozioni e pensieri.
Leggo molto, sono appassionato di psicologia, filosofia e tutto ciò che riguarda il corpo e la salute dell’essere umano ai suoi diversi livelli, sia individualmente che socialmente e storicamente.
Mi piacciono gli inviti a partecipare alla radio e alla televisione.
Amo il palo, lo trovai alzando il mio essere la soglia del dolore superare, tollerare la frustrazione, paure viso, trasmettere al corpo quello che sento con l’anima, accettare il mio corpo e le imperfezioni perfette, esprimono l’essenza del mio essere ogni mossa, ho capito il lavoro in questione superamento e la responsabilità che coinvolge il raggiungimento degli obiettivi, la difficoltà di non perdere la concentrazione o la motivazione e ricordando sempre che lo faccio perché mi fa sentire vivo.
Come passatempo faccio mountain bike, allenamento funzionale, lavoro la mia flessibilità e le acrobazie, le danze e mi piace camminare attraverso le montagne conoscendo nuovi paesaggi che mi mettono in contatto con la natura.

Ha vinto i premi:

Bronzo latinoamericano “Elévate Pole Championship” 2016

Il tuo attuale lavoro:

Tester di carriera di psicologia
Istruttore di pole
Promotore della salute sessuale completa (Comune della Provincia di Catamarca)
Consulente pre competitivo
Organizzatore di eventi

Momenti importanti della vita:

Ogni giorno ha la sua magia, il mio momento più importante è quando mi sveglio e prima di dormire, che apprezzo quanto sono fortunato per la vita che ho, essere dove scelgo, lavoro che mi piace, le possibilità offerte mia vita e soprattutto la mia famiglia, per essere in grado di studiare e viaggiare, fare il bagno con acqua calda, hanno da mangiare, a dormire, a che fare con la vita i miei cari (soprattutto quando sorridono) hanno legami reali affettuosi e interagire con persone di grande calore umano (la famiglia e amici)

Qual è il messaggio motivante che vorresti lasciarci?:

Stiamo per morire, viviamo.
L’unica certezza è così importa quello che facciamo oggi, non abbiamo mai abitua a tutto, ogni giorno ringraziamo la nostra esistenza, siamo positivi, abbiamo sorriso di più, cerchiamo di silenzio, tratémonos e dare amore

Fran Chang : POLE GOOD Magazine

Fran4“Una mente forte, positiva e umile è capace di superare qualsiasi ostacolo” –
Oggi vi presentiamo Fran Chang, un combattente della vita che ci insegna che nulla è impossibile!Abilità e competenze:

Bambino creativo, lavoratore, combattente, imprenditore, carismatico, responsabile, allegro, disponibile, umile e rispettoso!

Interessi personali e hobby:

Mi è sempre piaciuto lo sport, ma sono un fan degli anime, fumetti e videogiochi.
Mi piace anche tutto ciò che riguarda l’arte, il design e la moda! Ha vinto i premi: 1st Place Pole Theatre Argentina 2017 Categoria professionale Drama. Il tuo attuale lavoro: Istruttore di Pole Dance e Stretching. Momenti importanti della tua vita: Due anni fa mi era stato diagnosticato un cancro allo stomaco …

All’inizio ero un po ‘nervoso, ma ho deciso di aggrapparmi ai miei sogni e lottare per loro (tra i quali uno doveva tornare in pole).

Quello che ho fatto è stato di mantenere la mente calma e positiva, sempre ottimista, vedendo questo come un capitolo della mia vita che dovevo finire, e poi continuare a scrivere quanto segue …

Dopo un intervento chirurgico, ho aspettato solo due mesi di riposo e la prima cosa che ho fatto dopo è stata quella di tornare alla pole! hahahaha

Qual è il messaggio motivante che vorresti lasciarci?:

La vita ci dà sempre delle prove, solo noi dipenderemo da come affrontarle. Una mente forte, positiva e umile è capace di superare qualsiasi ostacolo !!

Informazioni personali
Nome: Francisco Alexander Cognome: Chang Hung Data di nascita: 6 febbraio 1988 Segno dello zodiaco: Acquario. Musica preferita: dagli anni ’80 agli anni ’90 Luogo di nascita: Miranda, Venezuela.

Pole Good l’intervista di Alejandrina Iurleo.

Ale5“Disfruta el proceso. Es lo que va a quedar en tu corazón.”  Son las palabras de Alejandrina Iurleo, una cordobesa que define al Pole, como parte de su vida. Gimnasta, Instructora de Pole y Dueña de Just Move, nos cuenta parte de su historia…

Ale, nos contarías cómo llegaste al Pole Dance?

Primero había visto alguna publicidad en un diario y me interesaba la idea. Me gustaba que fuera algo que mezclaba la danza con la acrobacia. Yo venía de muchos años en la gimnasia y hacía un tiempo había dejado. Asi que buscaba de hacer algo. Y ahi fue que empecé. Primero como un hobby y después me terminé enganchando con todo. Empecé a competir y a dar clases y la verdad que se volvió parte de mi vida…como trabajo y como deporte.

Cómo es tu vida fuera del deporte ?

La realidad es que gracias a Dios puedo vivir de esto. Tengo mi propia academia en Córdoba,  “Just Move” junto a mi marido que es el que me motivó a lanzarme sola. Así que mi vida es dar clases. No solo de Pole sino también de danzas y clases personalizadas de entrenamiento. Fuera de eso, también trato de buscar los espacios para compartir tiempo con mi familia y amigos que para mí son súper importantes.

Cuáles son los momentos más lindos dentro del Pole?

Las competencias son experiencias muy lindas y gratificantes. Mis dos viajes en que representé a Argentina haciendo Pole, sin duda fueron los más lindos e importantes. Pero también me gusta mucho viajar y dar clases en otras ciudades. El cariño que recibe uno de la gente ,es sin duda, lo mejor de mi trabajo

Tienes alguna frase que te identifique?

Disfruta el proceso. Es lo que va a quedar en tu corazón. El resultado siempre es relativo.

Cómo es un día habitual en la vida de Alejandrina?

Lo primero, desayunar. No puedo sino seguir con mi día. A la mañana siempre clases y después un tiempo para entrenar. Sea en el pole o lo físico. Siempre trato de alternar los entrenamientos y hay días que tengo tiempo de hacer ambos. A la siesta me doy un break para luego seguir dando clases hasta que vuelvo a casa a la nochecita. Cocino algo rico y sano. Me gusta mucho cocinar y luego a la cama! Rendida

Es necesario combinar el pole con otra actividad deportiva?

Si, claro! Para mí como deportista y entrenadora siempre tengo que tener un plan físico como complemento del pole. Es indispensable, primero para evitar lesiones y además para ganar fuerza, resistencia y flexibilidad. Sobre todo si está dentro de nuestros objetivos, la competencia. Y si se hace como hobby, también está bueno hacer algo más. Por ahí las clases de entrenamiento funcional me parece que están buenísimas o algo que nos haga bien para nuestro cuerpo. El yoga es también recommendable.

Crees que el Pole es un deporte para todos?

Si. Creo que cualquiera que tenga ganas puede practicarlo. Todo va a depender de que tan serio lo tomemos. Todo deporte va acompañado de una disciplina de vida. Sea de entrenamiento, alimentación y/o estilo de vida. Si queremos ver resultados, eso es lo más importante. Y perseverancia.

Quieres dejar algún mensaje para quienes se inician en la disciplina?

Que sean disciplinados. Tienen que ser constantes en sus entrenamientos. Escuchar al cuerpo y saber que es un deporte como cualquier otro. Por lo tanto hay que tener en cuenta donde vamos a tomar nuestras clases. Como cualquier disciplina de moda, en este mundo del pole también hay mucho chantaje. Hay gente que no está preparada para dictar clases ni para tener los cuidados correspondientes y hay excelentes profesionales también… Por suerte tenemos muy buen nivel y hay que aprovechar eso.

Premios? menciónelos.

3er puesto categoría femenina Elite Argentina Pole Championship 2012.

2do puesto categoría femenino Elite Argentina Pole Championship 2014.

Finalista World Pole Dance 2015, Pekín.