HOME INTERVISTA

Pole Good L’intervista all’imprenditrice del pole Dance argentino Mara Saloj

Conosce la disciplina del Polo sin dai suoi inizi, vive lo sviluppo del vicino ed è un riferimento a livello mondiale. Sostiene che “se gli uomini d’affari si assumono la responsabilità di creare società qualificate e con standard di qualità, il contesto dell’attività migliorerebbe e la crescita sarebbe incommensurabile”. Un’intervista esclusiva Polegood presenta, dall’Argentina, a MARA LATASA SALOJ.

Chi è Mara Latasa Saloj?

Mara ha una laurea in Marketing e Business Administration, diplomata alla UADE. Dall’età di 3 anni ha studiato danze moderne ed espressioni corporali, ottenendo il titolo di Maestro superiore a 17 anni. Era una campionessa di danza latinoamericana a 16 anni. Da molto giovane e fino ad oggi, la gestione delle aziende e dell’arte era la sua attività principale. Ha lavorato in società pubblicitarie e società tecnologiche, sempre in aree creative. È sposata con Lucio 11 anni fa ed è la mamma di Emma di 4 anni. A 27 anni fondò Art Dance Studio, la più grande scuola dell’America Latina di Polo e acrobatica. Solo un anno dopo, iniziò con l’organizzazione del torneo, che in seguito sarebbe diventato il Pole Championship Network, la più grande e prestigiosa rete di tornei del continente americano, con 21 tornei, che vanno dall’Argentina agli Stati Uniti.

Com’è iniziata la tua relazione con il polacco?

Durante un viaggio negli Stati Uniti, nel 2006, ha incontrato l’attività di cui si è innamorato e ha utilizzato tutta la sua esperienza di anni nell’arte, nella danza e nell’assemblaggio di aziende, fondando, nel 2007, Art Dance Studio .

Come è stato organizzare il tuo primo torneo?

Sentivo che il pubblico dovrebbe conoscere questa attività in un modo diverso dall’immaginario popolare e che il montaggio dei tornei era il modo migliore. All’inizio era molto difficile, perché dovevamo spiegare tutto il tempo che l’attività era qualcos’altro. Inoltre, pochissimi atleti lo praticavano; ma con molto amore, paura e sforzo, nacque la First Miss Pole Dance Argentina, con 18 concorrenti, che per me era un prima e un dopo nella storia di Pole. I media hanno parlato per la prima volta di questa nuova disciplina.

Come definiresti il ​​Polo di oggi?

Oggi è un mondo molto diverso dalle mie origini, non solo in America Latina, ma in tutto il mondo. La crescita nei luoghi più remoti del pianeta, ci ha sorpreso tutti, e il grande progresso dei social network è stata una grande persona responsabile di questo, sia per la tecnica della disciplina che per l’industria che è cresciuta intorno, come ad esempio i fornitori dell’articolo. Indubbiamente, c’è molto da crescere e, a mio parere, per professionalizzare e legalizzare.

In che futuro prevedi il polacco come disciplina?

Credo che la questione in sospeso che abbiamo all’interno della comunità sia quella di unificare i criteri. Imprenditori, assumersi la responsabilità nell’assemblaggio di aziende qualificate e con standard di qualità per fornire il contesto migliore per la crescita sostenuta dell’attività.

Sappiamo che conosci molte personalità polacchi, quali atleti ti hanno colpito e perché? (Menzione non più di 6).

Questa professione e le migliaia di viaggi mi hanno portato in zone più remote del pianeta, dove ho avuto la possibilità di incontrare grandi stelle. Sebbene l’ammirazione per gli artisti che ho incontrato sia molto grande, sono più sorpreso dalla qualità umana e dalla perseveranza, dalla creatività e dalla capacità di rinnovarsi costantemente. Con queste qualità posso nominare diversi … Màrion Crampe, Bendy Kate, Saulo Sarmiento, Vane Lunatic, Heidi Coker, María Julia Aguiar, Felipe Mendoza …

Quali caratteristiche generali puoi evidenziare sugli atleti che fanno pole?

Di quelli che fanno pole e hanno successo, la perseveranza è il loro più grande segreto. Il virtuosismo senza costanza, non prospera.

Dal tuo punto di vista, cosa manca per crescere nella disciplina di Pole?

Dalla formalità, dobbiamo generare standard e contesti di qualità. Una volta raggiunto questo obiettivo, la crescita sarà incommensurabile!

Non dubitiamo che il polacco sia una disciplina artistica e sportiva … quando hai iniziato con questo mezzo, come è stata vista l’attività del polacco?

La verità che siamo stati più di 10 anni, abbiamo dovuto dare una lotta più grande di quelli che iniziano oggi. Ma un buon lavoro è stato fatto mostrando la pole come un’attività rispettata e seria, sia per la sua complessità tecnica che per la sua bellezza artistica.

Com’è un giorno normale nella vita di Mara?

Oggi le mie giornate passano tra la direzione della danza artistica e la direzione della rete Pole Championship. In questi ultimi anni ho viaggiato in tutta l’America Latina nei tornei della rete, conoscendo migliaia di atleti. Ma cerco sempre il momento di essere una mamma, una moglie, una sorella, una figlia, perché anche se mi considero un successo nel mio lavoro, il mio risultato più grande è la mia famiglia.

Quali sono gli eventi imminenti che hai nell’agenda?

0 commenti su “Pole Good L’intervista all’imprenditrice del pole Dance argentino Mara Saloj

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: