HOME spettacolo

“Una pugnalata”, il dolore di Elena Santarelli

“Il momento più brutto è stato quando, di notte, con la torcia, andavo a raccogliere i capelli di Giacomo dal cuscino, per non farglieli trovare al mattino. Quei momenti erano una pugnalata. Metti al mondo un figlio e vuoi proteggerlo, ma non sai che puoi sentirti così tanto impotente”. Così Elena Santarelli, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, parla per la prima volta a un giornale della malattia del figlio Giacomo. Era il 30 novembre 2017 quando la showgirl e il marito Bernardo Corradi hanno ricevuto la diagnosi che nessun genitore vorrebbe mai sentire.

“La cosa peggiore è che non ero presente alla risonanza – racconta Santarelli – ero stata operata all’anca e avevo stampelle e dolori, è andato solo Bernardo, ma non avevamo sospetti, era un esame fatto per precauzione. Quando mio marito è tornato a casa, gliel’ho letto in faccia – ricorda – Sono andata in bagno e ho vomitato. Poi, mi sono messa a piangere in silenzio, per non farmi sentire da mio figlio. Giacomo mi ha chiesto di giocare alla Playstation e l’ho fatto. Ho passato la notte su Internet a cercare le parole del referto e a chiamare amici che conoscevano medici”.

Da quel momento è cambiato tutto. “Ricordo solo io che mi ripetevo: tuo figlio ha un tumore. Non potevo non pensare alla morte“, confessa la showgirl, spiegando come poi è riuscita a farsi coraggio: “I primi giorni, stavo come una scappata di casa e non è da me. I bimbi sono astuti, ho capito che dovevo farmi la piega, mettere il solito rossetto, anche se mi sentivo giudicata, in ospedale, col rossetto. Ma ho fatto bene”. In merito alle critiche ricevute via social, invece, spiega: “Avrei voluto urlare contro tutte quelle cattiverie, ma sono tante di più le persone che mi esprimono affetto”.

Tanto che Santarelli dice di non essersi pentita di aver reso pubblica la malattia del figlio “ma – confessa – non avevo messo in conto tante lettere di persone coi figli malati o morti. Mi trovo a dare coraggio agli altri, ma anche io sono ancora nel mezzo del dolore“. Per questo ha deciso di parlarne, per non cedere al dolore. “Non è detto che un tumore annienti la vita – sostiene la showgirl – Ogni caso è diverso, ma mio figlio corre, mangia, ride, ha una vita normale al 60-80 per cento. Vorrei che le mamme avessero speranza”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

0 commenti su ““Una pugnalata”, il dolore di Elena Santarelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: