Un gommone carico di migranti è naufragato ieri davanti alle coste della Libia. La “guardia costiera” del Paese nordafricano ha salvato 115 persone, tra cui 2 bambini e 22 donne, mentre sono stati recuperati in mare 5 corpi senza vita, appartenenti a tre uomini e due donne. A riferirlo è un comunicato della Marina libica pubblicato su Facebook. Si tratta di migranti provenienti tutti da Paesi africani, tranne quattro pachistani.

Il naufragio è avvenuto a otto miglia a nord di Mellitah, a ovest di Tripoli, a causa delle difficili condizioni del mare. Nel comunicato i libici specificano che le onde alte hanno “sfasciato parte del gommone” e “alcuni migranti illegali sono caduti in mare”. Le persone soccorse sono state portate alla base navale della Capitale, dove hanno ricevuto “aiuto umanitario e medico” prima di essere consegnate “all’organismo per la lotta contro l’immigrazione clandestina, centro di accoglienza di Tariq Al-Sekka“. Una struttura, questa, che come tante altre sul suolo libico presenta gravi carenze igienico-sanitarie e di sicurezza e problemi di sovraffollamento