HOME politica

DI MAIO SU CRISI ILVA, LUNEDÌ SINDACATI E MITTAL

Il ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio ‘entrà nel vivo della crisi dell’Ilva. Lunedì ha infatti chiamato al Mise le rappresentanze sindacali, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, le associazioni dei cittadini e, ultima ArcelorMittal. L’approccio a una delle più violente crisi industriali degli ultimi anni, è dunque quello che il ministro aveva preannunciato. «Nei prossimi giorni – aveva detto infatti dopo aver visto i commissari – procederò con altri incontri con i sindacati, il sindaco di Taranto, il prefetto, le associazioni che rivendicano il diritto alla salute, incontrerò il Codacons e tutte quelle parti che fanno parte di questa vertenza». Obiettivo: «che i cittadini di Taranto possano avere il diritto di respirare aria pulita». La necessità è quella di arrivare presto a un accordo per il passaggio del gruppo Ilva ad ArcelorMittal, vincitore della gara per l’acquisizione della società finita in Amministrazione Straordinaria. I tempi sono stretti, l’ingresso di AmInvestCo (la newco controllata da ArcelorMittal) in Ilva è previsto entro il 30 giugno. Resta però da chiudere l’accordo fra azienda e sindacati. Una vertenza durissima che non vede ancora una soluzione, nonostante gli sforzi profusi dall’ex ministro Carlo Calenda e dal suo vice Teresa Bellanova fino alle ultime ore di attività del vecchio governo. Il nodo da sciogliere, che ha tenuto le parti impegnate per mesi, è però tutt’altro che semplice. In ballo c’è il destino di 13.800 dipendenti che salgono a 20.000 se si tiene conto dell’indotto. AmInvestCo prevede di assorbire 10.000 lavoratori, mentre i restanti 3.800 resterebbero ‘a stipendiò dell’Amministrazione Straordinaria. La vertenza Ilva è dunque, sul piano delle crisi industriali, il primo vero banco di prova dell’asse Lega-M5s. Di Maio è chiamato a tradurre in concreto il dettato del contratto di governo che parla di «riconversione economica» dell’Ilva «basato sulla progressiva chiusura delle fonti inquinanti (…), sullo sviluppo della Green Economy e dell’energie rinnovabili, e sull’economia circolare». Una frase che potrebbe portare a diverse opzioni: dalla chiusura tout court, magari in tempi lunghi (10-20 anni) che sembra scongiurata anche dallo stesso ministro («l’Ilva deve continuare a esistere e a dare posti di lavoro anche più di adesso», aveva detto in campagna elettorale); a una riconversione che prediliga l’uso del gas al posto del carbone (come vorrebbe il governatore della Puglia Michele Emiliano). A un piano ambientale ancora più severo di quello proposto da ArcelorMittal

Ti potrebbero interessare anche:

0 commenti su “DI MAIO SU CRISI ILVA, LUNEDÌ SINDACATI E MITTAL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: