Visco: “Riforma fiscale va fatta, ma attenti a tempi, modi e vincoli di bilancio”

Il governatore di Bankitalia a Repubblica delle Idee. “Gli annunci di politiche protezionistiche creano dei rischi”

BOLOGNA –   “E’ improponibile e dannoso parlare di uscita dall’euro ma ci sono dei passi avanti che possono essere fatti”, così Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, a Repubblica delle Idee analizza il momento difficile che sta vivendo l’economia italiana fra ritorno dei dazi e turbolenze antieuropeiste. Il governatore ammette che “l’unione monetaria è incompleta però avverte: “Le critiche vanno fatte con spirito costruttivo, per migliorare”. Visco snocciola un dato: “50mila studenti italiano sono in università europee e 43.000 studenti europei sono iscritti in università italiane. Dunque la connessione è molto stretta”.

Sulle politiche del nuovo governo Visco si rifà alle considerazioni finali. “I rischi sono percepiti – spiega – basta vedere i movimenti dei tassi di interesse. Il tasso è salito sopra il 3 per cento in un mese. Lo spread si è alzato perché è più diffile collocare i titoli di Stato perché gli investitori tendono a proteggersi da rischi. Magari è una percezione emotiva ma che ha dietro elementi di razionalità soggettiva. Debito pubblico è rilevante e tasso di crescita è stato insoddisfacente”.

Sulla flat tax non chiude la porta ma mette dei paletti. “La riforma fiscale è complessa, non si possono abbassare le tasse e vedere l’effetto che fa. Il sistema fiscale va rivisto ma questo prende tempo. Riuscire a ridurre le imposte è buona cosa, così come il reddito di cittadinanza ma bisogna capire modi, tempi e aver chiari i vincoli di bilancio. Punto cruciale e avere chiare le priorità di ciò che si vuole fare”.

Quanto ai dazi il numero 1 di via Nazionale ha qualche preoccupazione. “Ci sono – dice – rischi dovuti alla politiche protezioniste avanzate che potrebbero portare a riduzione del commercio internazionale. L’incertezza connessa con questi annunci porta a rallentare le decisioni di investimento. Importante è il dialogo, continuare a confrontarsi in Europa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...