Taranto, smerciavano cozze a rischio contaminazione: denunciate 8 persone

Sono sette pescatori tarantini e il titolare di una pescheria a Grottaglie: allevavano e vendevano i mitili nel primo seno del Mar Piccolo, in cui è vietato. Sequestrate una tonnellata di cozze nere e tre imbarcazioni con i relativi motori fuori bordo

Otto persone sono state denunciate dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale e dai militari della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Taranto, per produzione, detenzione e commercializzazione di cozze pericolose illecitamente allevate nel primo seno del Mar Piccolo, inibito all’allevamento per i molluschi adulti, in ragione dell’inquinamento delle acque.

Taranto, una tonnellata di cozze a rischio contaminazione: blitz nel porto

Nel corso dei controlli sono state individuate imbarcazioni del tipo gozzo a motore, a bordo delle quali alcuni miticoltori si recavano a raccogliere cozze adulte e pronte per l’immissione sul mercato, anche nel primo seno. Dopo aver monitorato e documentato tali illecite operazioni, anche mediante riprese video/fotografiche eseguite lungo tutto il tratto costiero, i militari dell’Arma e della Capitaneria hanno bloccato 8 persone: 7 pescatori tarantini e il titolare di una pescheria di Grottaglie.

Sei pescatori sono stati trovati  a bordo di imbarcazioni e trasportavano i mitili appena raccolti, un altro pescatore è stato scoperto mentre stava vendendo abusivamente sul molo gli stessi mitili appena prelevati dal mare e il titolare della pescheria è stato trovato a bordo di un automezzo refrigerato sul quale aveva appena caricato 60 chili di cozze, dirigendosi verso il proprio esercizio commerciale.

Taranto, smerciavano cozze a rischio contaminazione: denunciate 8 persone

A vario titolo sono accusati di produzione, detenzione e commercializzazione di sostanze alimentari nocive, nello specifico frutti di mare, in quanto venduti a commercianti verosimilmente consapevoli di acquistare cozze allevate in ambiente inquinato, a prezzi nettamente più  convenienti di quelli di mercato, fino al 50 per cento in meno. Nel corso dell’attività investigativa, i militari hanno sequestrato circa 1 tonnellata di cozze nere e tre imbarcazioni con i relativi motori fuori bordo in uso ai mitilicoltori denunciati. Il pescato è stato immediatamente distrutto a mezzo autocompattatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...