attualità HOME

Italia ancora sotto pressione, lo spread sfonda quota 300

Fiammata del differenziale Btp/Bund. Il rendimento del decennale oltre il 3%. Piazza Affari in profondo rosso. Moody’s avverte: “Taglio del rating senza riforme e calo del debito”

Italia ancora sotto pressione, lo spread sfonda quota 300(afp)

MILANO – Ore 10.40. Raffica di vendite sui titoli di Stato italiani, con lo spread Btp/Bund che tocca 320 punti, con un balzo di oltre 60 punti rispetto alla chiusura di ieri, tornando ai livelli di primavera 2013, salvo poi ripiegare sotto quota 300.  Il rendimento del decennale italiano supera quota 3%. Non si allenta quindi la tensione sul mercato, in attesa che il presidente incaricato Carlo Cottarelli si presenti in parlamento per chiedere una fiducia che, stando alle dichiarazioni delle forze politiche sembra molto difficile da raggiungere. Un segnale di allerta arriva anche dall’agenzia di rating Moody’s, che avverte che  taglierà il rating italiano,
oggi a Baa2, se il prossimo governo porterà avanti politiche di bilancio “insufficienti a posizionare nei prossimi anni il debito su una traiettoria di discesa”.  Secondo l’agenzia altrettanto negativo sarebbe “un fallimento nell’articolare e presentare un’agenda di riforme strutturali credibili”. Moody’s reputa “molto improbabile” un rialzo del rating, spiegando che una conferma potrebbe invece arrivare se il programma di riforme si rivelasse ambizioso e se il governo delineasse un effettivo percorso di rientro del debito.

0 commenti su “Italia ancora sotto pressione, lo spread sfonda quota 300

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: