attualità HOME

Governo Conte, Renzi: “Opposizione dura: adesso Lega e M5S sono la casta”. Berlusconi: “Il programma è un libro di sogni”

L’ex segretario del Pd commenta nella su enews la probabile nascita dell’esecutivo a trazione Lega-5Stelle. “Ora dimostrino di saper governare e la smettano di urlare su Facebook”. Berlusconi: “Forza Italia non voterà la fiducia”

ROMA – Il governo delle “larghe intese populiste”. “La nuova casta”, con i leader di Lega e M5S che adesso “devono smettere di strillare su Facebook e iniziare a governare l’Italia”. Perché “gli alibi non ci sono più”. L’ex segretario del Partito democratico Matteo Renzi commenta nella sua enews la probabile nascita del governo a trazione grillo-leghista. “Dopo 80 giorni, ci siamo. Nel tempo necessario a fare un celebre giro del mondo letterario, l’alleanza tra Lega e Beppe Grillo ha più modestamente scritto un contratto e partorito il governo delle larghe intese populiste. Noi dobbiamo pensare a costruire un’opposizione degna di questo nome e prepararci a costruire l’alternativa se loro falliranno, quando loro falliranno”. E all’attacco anche il centrodestra. Con Berlusconi che annuncia il no al nuovo governo e attacca il programma: “Scelte preoccupanti per l’Italia”.

Renzi e la coerenza. L’ex premier dem raffronta la nascita del nuovo governo e la sue esperienza a Palazzo Chigi utilizzando la lente della “coerenza”. Scrive: “Sarebbe estremamente facile per noi giocare sulle incoerenze che caratterizzano la nuova maggioranza. Ci hanno spesso rinfacciato le mie contraddizioni, a cominciare dal non aver abbandonato la politica dopo il referendum. Tutte cose alle quali ho risposto nel merito ma che i nostri avversari liquidavano con ‘Noi siamo coerenti, voi no’. Da oggi non se lo possono più permettere. Perché devono governare l’Italia, non strillare su Facebook. E se cercate l’incoerenza, da oggi, la troverete davvero”.

“Basta con le risse senza senso nel Pd”. Non manca una riflessione sulla vita interna del Pd. E se Renzi conferma l’impegno per una “opposizione dura”, lo fa sottolineando come sia necessario per il partito affrontare queta nuova fase mettendo da parte lotte interne e lavorando per realizzare l’unità. “Sono rimasto molto sorpreso dal tono dell’assemblea nazionale del Pd di sabato: mi era stato chiesto di rinunciare a parlare per dare un messaggio unito e coeso all’esterno. Ho evitato dunque di pronunciare il mio discorso e mi scuso con chi mi ha scritto in questi giorni criticandomi per aver rinunciato. E ciò nonostante le liturgie del Pd hanno mandato in onda in streaming l’ennesimo psicodramma incomprensibile agli addetti ai lavori, figuriamoci ai cittadini. Basta con le risse senza senso, vi prego. E con divisioni sul nulla”.

Berlusconi: “Scelte preoccupanti per l’Italia”. E sul versante dell’opposizione arriva anche una nota di Silvio Berlusconi. Il presidente di Forza Italia annuncia che il suo partito non voterà la fiducia al nuovo esecutivo. Perché “Il contratto di governo tra M5S e Lega è per metà un ingenuo libro dei sogni e per metà contiene scelte preoccupanti per l’Italia e gli italiani, dalle infrastrutture alla giustizia”. Il cavaliere oggi guiderà la delegazione azzurra per le consultazioni con il premier incaricato Giuseppe Conte.

0 commenti su “Governo Conte, Renzi: “Opposizione dura: adesso Lega e M5S sono la casta”. Berlusconi: “Il programma è un libro di sogni”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: