HOME politica

Berlusconi si può candidare, sì dei giudici alla riabilitazione

Berlusconi si può candidare, sì dei giudici alla riabilitazione(ansa)

La decisione del Tribunale di Milano fa decadere gli effetti della legge Severino. Salvini: “Felice per lui e per la democrazia”ROMA – Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha concesso la ‘riabilitazione’ a Silvio Berlusconi cancellando di fatto tutti gli effetti della condanna subita nell’agosto del 2013 per frode fiscale Mediaset. Lo lo scrive il Corriere della Sera. Ciò significa che da ora, essendo immediatamente esecutiva la decisione, il Cavaliere torna a essere candidabile, in quanto decadono anche gli effetti della legge Severino che prevedevano l’esclusione dalla vita pubblica di Berlusconi per sei anni.

La decisione, consente insomma a Berlusconi di tornare a candidarsi in caso di elezioni politiche se dovesse fallire il tentativo di Lega e 5 stelle di formare un governo. Addirittura, come prevede la legge elettorale, potrebbe concorrere per un seggio se dovesse ‘rimanere vacante’ un seggio in un collegio uninominale. Infatti in questo caso si procederebbe ad ‘elezioni suppletive’.

I giudici del Tribunale di Sorveglianza, cui si erano rivolti gli avvocati Niccolò Ghedini e Franco Coppi l’8 marzo scorso, hanno deciso con un mese di anticipo rispetto al previsto procedendo evidentemente sulla base di un orientamento della Cassazione che prevede, anche in presenza di altre pendenze (in questo caso i processi per corruzione giudiziaria in seguito al processo Ruby da cui Berlusconi è stata o assolto) la possibilità, una volta adempiute “le obbligazioni civili derivanti dal reato”, di vedersi appunto cancellati gli effetti dello stesso con la riabilitazione che estingue le pene accessorie.

Soprattutto se, prevede il codice, dopo l’espiazione – che nel caso di Berlusconi si traduceva in 4 anni di reclusione di cui 3 condonati e uno svolto ai servizi sociali con l’impegno di assistenza agli anziani 4 ore alla settimana – il condannato ha dato ‘prove effettive e costanti di buona condotta’ e di essersi reinserito nella comunità rispettandone nei limiti del possibile le regole.

Ora, sulla decisione di ieri, la procura generale di Milano, ha la possibilità di ricorrere in Cassazione.

legali di Silvio Berlusconi hanno fatto ricorso contro la legge Severino anche davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Per la difesa di Berlusconi la legge Severino ha avuto sulla sua posizione giuridica un effetto retroattivo. L’udienza di fronte ai giudici di Strasburgo si è svolta il 27 novembre dell’anno scorso alla presenza di oltre 500 persone accreditate tra le quali una cinquantina di giornalisti. La decisione è prevista per il prossimo autunno, quando però il leader di FI potrebbe anche non averne più necessità ai fini dell’agibilità politica, visto che ha ottenuto il parere  favorevole del Tribunale di Sorveglianza e in caso di elezioni potrà tornare in

0 commenti su “Berlusconi si può candidare, sì dei giudici alla riabilitazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: