La reputazione Digitale

Inseguendo il numero di follower, clic e mi piace, abbiamo dimenticato che nel mondo digitale, il più importante non è la popolarità, ma la reputazione. Per il vocabolario Treccani “la reputazione è la stima e la considerazione in cui si è tenuti dagli altri”. Molti credono che nella reputazione digitale ci siano tutti i dati e le notizie che si trovano online su una persona o un marchio. Che è solo parzialmente vero. Questa, se non altro, è l’identità digitale e viene creata con dati volontari e non intenzionali e metadati generati da ciascun utente. Quindi, qual è la reputazione digitale? Come spiega Matteo Flora durante una lezione al Wired Festival, “la reputazione è una percezione che non ha nulla a che vedere con la realtà. In un mondo perfetto, la realtà e la reputazione dovrebbero coincidere, ma non è questo il caso. “Accade raramente che le due cose coincidano in parte.
Pertanto, possiamo creare la nostra identità digitale con le nostre azioni sul web e social e questo può aiutarci a costruire una parte della nostra reputazione, ma non dobbiamo dimenticare che stiamo soffrendo. Solo una leggerezza, solo un tweet o una frase sfortunata scritta su Facebook, solo una foto o un video che ci ritrae mentre facciamo o diciamo cose che sono eccessive o sbagliate e che possiamo essere sopraffatti. Senza pietà Perché la massa giudica, condanna e distrugge tutto ciò che incontra senza possibilità di appello.
Sfortunatamente, ci sono molti casi simili, passati e recenti. Lo scrittore John Ronson loro raccolti nel libro “Lei è stato vergognoso pubblicamente,” raccontare storie di persone che hanno perso il lavoro e avevano la loro vita precipitare a causa di errori numerici, più o meno gravi. Perché “Internet non dimentica” e, quindi, anche quando la tempesta perde la sua intensità, la trama rimane “online”. E ogni nuovo datore di lavoro o potenziale nuovo amico e / o fidanzato o fidanzata, prima o poi, fa una ricerca su Google per scoprire chi è di fronte a lui. E molto spesso – anche senza raggiungere i limiti che ho appena menzionato – quello che trova non è esattamente ciò che l’argomento della ricerca avrebbe su di lui.
Per non parlare di quelli che deliberatamente distruggono la vita degli altri con il digitale. Molti ricorderanno la tragedia di Tiziana Cantone, Napoli 31 anni che si è suicidato nel settembre 2016, dopo la distribuzione di video hot pubblicate online e rimbalzò sui social network, generando migliaia di commenti a dir poco vergognoso. La gente ha urlato e giudicato. E lei è stata uccisa per la vergogna. E Alfredo M. che si è svegliato un anno fa coperto di insulti. Lui non ha fatto nulla. Ma un messaggio falso si diffuse su Facebook e WhatsApp lo accusò di essere un pedofilo. In poco tempo, più di 20.000 persone hanno rilanciato questo falso messaggio e Alfredo si è trovato sopraffatto dagli insulti e dagli attacchi sociali nella vita reale (auto vandalizzate per crimini personali). Come lui stesso ha detto a Vice: “Trovare la persona che ha iniziato tutto è molto difficile e danneggiare un messaggio che è diventato virale è una missione praticamente impossibile per chiunque. Ancora più aspra e sconvolgente la conclusione di Alfredo: “Come ti difendi da una accusa che semplicemente non esiste?”
Non puoi davvero fare qualcosa per difenderti? A parte la polizia postale per denunciare gli abusi, cosa può fare un cittadino? Secondo Flora, deve “essere pronto”. In altre parole, dobbiamo imparare a implementare i “processi di reputazione”. Perché se in precedenza “il problema della reputazione digitale era la prerogativa che le figure pubbliche oggi sono un problema che può colpire tutti, nessuno la esclude”. Pertanto? “Dobbiamo osservare ciò che viene detto su di noi e aprire e gestire la nostra presenza sociale con intelligenza e cautela sempre maggiori”. Avere una forte reputazione digitale è il primo argine in caso di attacchi. Perché “la reputazione digitale non può essere comprata e quando è compromessa, è molto difficile da ricreare”, soprattutto perché i semplici mortali non hanno i mezzi di giganti come la Volkswagen per dimenticare il loro “dieselgate” . Poiché Internet non dimentica, la massa è sempre stata animata dalla pietà e, secondo Flora, la reputazione “è una percezione che non ha nulla a che fare con la realtà”. Per Pier Luca Santoro di DataMediaHub invece “la reputazione ha una dimensione sociale, dipende da come ciò che facciamo / diciamo viene percepito dagli altri e da come gli altri parlano di noi [in una parola]. è molto concreto anche se “immateriale”. “Pensaci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...