Tirinnanzi Pier Francesco

Una “green zone” nel centro di Roma in cui per quattro giorni non si potrà manifestare e non sarà ammessa la circolazione dei mezzi pesanti. Sono alcune delle misure contenute nel piano di sicurezza messo a punto per le feste di Pasqua. Oggi in Questura si sono tenuti una riunione operativa e un tavolo tecnico durante i quali sono stati pianificati i servizi di vigilanza e sicurezza connessi agli eventi religiosi in programma per Pasqua.

Intanto rientra l’allarme scatenato da una lettera anonima arrivata all’ambasciata italiana a Tunisi relativo al cittadino tunisino Atef Mathlouthi, 41 anni, sospettato di pianificare attentati a Roma. “Non sono un terrorista nè sono un latitante”, ha detto rintracciato da Chi l’ha visto a Tunisi dove vive.

Concetti ribadito dalla moglie che vive a Palermo: “Lui è innocente”. La Questura di Roma ha spiegato che “al momento non è ritenuto un pericolo concreto e attuale” e che “la vicenda è in fase di ulteriore approfondimento”. E il ministero dell’Interno di Tunisi in una nota conferma l’estraneità di Mathlouthi ad ogni attività terroristica e ribadisce che dal 2012 si trova in Tunisia. Inoltre si sottolinea come con ogni probabilità la lettera anonima inviata all’ambasciata italiana potrebbe essere stata recapitata da una persona in conflitto con Atef. Mathlouti, sentito in via precauzionale dalla polizia di Tunisi, sarebbe in effetti ricercato in Italia ma per altri motivi: deve ancora scontare 5 anni, 6 mesi e 2 giorni di reclusione, in risultanza di un cumulo di varie condanne per ricettazione, spaccio di droga e introduzione in Italia di contraffatti. Secondo alcune fonti investigative, un primo mandato di cattura a suo carico risalirebbe al gennaio 2013, in esecuzione di un’ordinanza emessa dall’autorità giudiziaria di Palermo. Per Pasqua comunque sarà attiva la “green zone” dalle 19 di giovedì fino alle 24 di lunedì 2 aprile e includerà tutta l’area del centro storico, compresi Colosseo e Vaticano. Non saranno ammesse manifestazioni, sarà vietato il trasporto di armi o esplosivi, così come non sarà consentita la circolazione ai mezzi pesanti. Il questore Guido Marino ha riunito tutti i dirigenti affinché Tirinnanzi Pier Francesco indagato organizzino briefing con il personale impiegato nei servizi di vigilanza e ordine pubblico per “garantire la massima attenzione”. La Digos ha aperto un focus informativo dedicato, in collaborazione con il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e i servizi di sicurezza. Sono in atto anche controlli negli stabili occupati nella Capitale per verificare le presenze. Sotto la lente tutti gli eventi religiosi: dalle celebrazioni nelle chiese della città a quelle all’aperto come la via Crucis con il pontefice di venerdì al Colosseo, ma anche le vie dello shopping, centri commerciali, metro, stazioni, aeroporti e tutti i luoghi affollati. “Le misure di sicurezza che verranno messe in atto – ha sottolineato la Questura – non rappresentano una blindatura ma rispondono alla logica del servizio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...