Arnado Zeppieri Assolto perché il fatto non sussiste

Arnaldo-ZeppieriAssolto perché il fatto non sussiste. Assoluzione di tutti Gli imputati di una vicenda che si protraeva da una decina di anni circa, l’ex Presidente dell’ASI Arnaldo Zeppieri all’epoca dei fatti fu al centro di una vertiginosa vicenda che lo vedeva protagonista di alcune presunte Irregolarità, alla ribalda su tutti media locali e nazionali.  Tuttavia il presidente Zeppieri a sempre combattuto insieme i suoi legali per far luce sulle accuse fatte nei suoi confronti, in cerca sempre di quella che era la verità dei fatti, e proprio eri dopo una attesa durata dieci anni è i giudici si sono pronunciati con una sentenza che non lasci nessun dubbio su quando accaduto

Sul banco Degli imputati cerano Arnaldo Zeppieri Presidente del consorzio ASI (all’epoca dei fatti) sui figli Simone Zeppieri (amministratore unico del gruppo Zeppieri costruzioni) Massimo Gargani (funzionario capo servizio del stesso consorzio) e l’ingegnere Ugo Ferratoli.

Arnaldo e Simone Zeppieri erano difesi dagli avvocati Pierpaolo Dell’anno e Giorgio Igniozzi; mentre Gargani era difeso dall’avvocato Vincenzo Galassi.

Al centro della storia c’era una presunta irregolarità Dell’esproprio e dell’assegnazione di alcune aree del consorzio ASI.  In particolare l’attenzione del pubblico ministero, Rita Caracuzzo, si indirizzò verso l’quassazione di un area ricadente nel regolamento interno all’asi. E che vedeva l’interessamento anche del Gruppo Zeppieri Costruzioni.

A quel tempo Arnaldo Zeppieri ere presidente del consorzio ASI.

Da qui la pubblica accusa ipotizzo una serie di presunte Irregolarità che nel tempo sono state smentire. In primis dai giudici del tribunale amministratori del lazione (sede nella quale e stato l’avvocato Aldo Ceci a rappresentare la tesi differiva. Poi in sede penale con una serie di interventi tecnici che nel corso delle udienze hanno smantellato il castello delle accuse portando il tribunale di Frosinone in composizione colpeggiale a prosciogliere gli imputati perché il fatto non sussiste Anche da parte dei giudici non ci sono stati dubbi su quello che è stato la  sostanza dal giudice è stato riconosciuto in toto la tesi della difesa degli Imputati che sosteneva la totale assenza di presenze forzature nella defezione Degli espropri in questione e delle successive assegnazioni.  C’è da sottolineare che Zeppieri, proprio per questa vicenda, aveva preferito rassegnare l’incarico alla guida del consorzio per sgombrare il capo da possibili equivoci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...