attualità HOME

Palermo: il sindaco si taglia lo stipendio ma d’ora in poi guadagnerà di più

sfogliare news

Con la riduzione della busta paga, Orlando non perderà la pensione che ha maturato negli anni in cui è stato deputato regionaleLeoluca Orlando si taglia lo stipendio del 60 per cento per non perdere la “pensione” maturata dopo aver militato all’Ars, superiore rispetto alla parte di indennità da sindaco a cui rinuncia (circa 4.400 euro). Così il sindaco, di fatto, guadagnerà di più. Lo scorso anno l’Assemblea regionale ha recepito la norma nazionale sui compensi degli amministratori che, nell’ottica della spending review, impedisce di accedere alla pensione da parlamentare se c’è un’indennità di carica che supera un determinato tetto.

Così, da gennaio, il settore Bilancio e Tributi, su richiesta del primo cittadino, liquida ad Orlando 2.947,83 euro lordi al mese invece di 7.369,58 euro. Esattamente 4.422 euro in meno per ogni busta paga. Se si pensa che lo stipendio da sindaco è

di 110 mila euro lordi all’anno, meno di quello di un commesso parlamentare di 122 mila euro all’anno, e che l’indennità del primo cittadino nella nuova sindacatura è stata ridotta del 20 per cento la scelta di Orlando appare chiara. Così facendo lo stipendio ridotto da sindaco viene cumulato alla pensione. Di certo c’è che le cifre a cui Orlando ha rinunciato andranno a rimpinguare le casse comunali con oltre 50mila euro per tutto il 2018.

0 commenti su “Palermo: il sindaco si taglia lo stipendio ma d’ora in poi guadagnerà di più

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: