Blog M5s e Iene, salgono a 10 i nomi dei ‘falsificatori’. Giallo a Bruxelles, Borrelli lascia “per motivi di salute”

sfogliare news.jpg

Cinque parlamentari pubblicati sul blog M5s, altri cinque ‘denunciati’ dalle Iene, c’è anche Giulia Sarti. L’europarlamentare è uno dei tre soci dell’associazione Rousseau insieme a Max Bugani e Davide Casaleggio. Ivan Della Valle annuncia le dimissioni, Cozzolino “pronto a fare un passo indietro”

ROMA – “Rimborsopoli sarà boomerang per altri partiti”, tuona Luigi Di Maio, sotto attacco da più fronti per il caso dei deputati e senatori che hanno finto di restituire parte del loro stipendio come avevano promesso agli elettori. Sul blog del M5s sono comparsi i primi 5 nomi su cui sono “emerse irregolarità: Andrea CecconiCarlo MartelliMaurizio BuccarellaIvan Della ValleEmanuele Cozzolino“. “A ognuno di questi – si legge sul blog – è stato chiesto di provvedere immediatamente a versare quanto dovuto”.

Beppe Grillo si è detto convinto che tutta la vicenda finirà per favorire il M5s: “Ora tutti, anche il panettiere qui all’angolo, sanno che i nostri si tagliano gli stipendi e restituiscono soldi che gli altri si tengono in tasca”. Poi, sul blog scriverà rivolgendosi agli attivisti: “In fondo abbiamo donato 23 invece di 24. Ma dovete capire che queste dieci, dodici persone, chi sono non lo so, hanno una malattia che si chiama Sindrome Compulsiva di Donazione Retroattiva ed io la conosco bene questa sindrome perché colpisce anche molti genovesi.Ci siamo rimasti male, voglio dire, anche io ci sono rimasto male, tanti attivisti ci sono rimasti male, vorrebbero andare sotto casa di questi e far casino, lasciate stare”.

La prima reazione è quella di Ivan Della Valle che con un post su Facebook ha scritto “Questo sarà il mio ultimo post come rappresentante del M5s. Ho sbagliato e ho deluso tutti: colleghi, amici, collaboratori, gli attivisti che mi hanno sempre sostenuto. Non mi soffermo sui problemi finanziari e personali che mi hanno portato a tutto questo, non sono scusanti”. Della Valle, essendo al secondo mandato, non era ricandidato con il M5s.Emanuele Cozzolino, sempre via Facebook si è detto disponibile a fare un passo indietro se il Movimento glielo chiedesse.Ma altri cinque nomi nomi vengono resi noti dalle Iene (che hanno denunciato il caso). In un post apparso sul sito della trasmissione di Italia1, sono denunciati come presunti “falsificatori” Silvia BenedettiMassimiliano Bernini; Elisa BulgarelliBarbara Lezzi. E infine Giulia Sarti, la deputata bolognese tra le più giovani secondo la quale “Il Movimento Cinque Stelle non è solo un progetto politico. È anche un modo di vivere”.

Blog M5s e Iene, salgono a 10 i nomi dei 'falsificatori'. Giallo a Bruxelles, Borrelli lascia "per motivi di salute"

Mentre il candidato premier si difende spiegando di “essere orgoglioso di avere restituito”, tra euro versati e indennità a cui ha rinunciato, “370 mila euro”, una nuova bufera sta per investire il M5s.

Bufera che arriva da Bruxelles, dove uno degli uomini più potenti del movimento, l’europarlamentare David Borrelli (uno dei tre soci dell’associazione Rousseau insieme a Max Bugani e Davide Casaleggio), s’è dimesso all’improvviso per transitare al Gruppo Misto.

A rendere un giallo la vicenda è la motivazione, assurda nel mondo politico, che ha spiegato l’uscita dal M5s: “Motivi di salute”. Ma come, si chiede ad esempio Francesco Bonifazi del Pd, “al Gruppo Misto ci sono forse più dottori?”. Pare evidente che i motivi di salute siano una scusa per coprire forse un nuovo scandalo che non può passare inosservato visto il peso di Borrelli nel movimento di Beppe Grillo.

Borrelli, quando era co-capogruppo del Efdd, aveva gestito i negoziati che all’inizio del 2017 avrebbero dovuto portare i grillini nel gruppo Alde dei liberaldemocratici. Un cambio di gruppo poi fallito: per fare marcia indietro e tornare con gli euroscettici di Farage, Borrelli ha dovuto abbandonare la co-presidenza del gruppo. Un po’ di imbarazzo tra i 5 stelle l’aveva suscitato l’assunzione della compagna di Borrelli a Bruxelles da parte di un’altra eurodeputata, Isabella Adinolfi.

“Questa mattina – riferisce in una nota Laura Agea, capo delegazione M5s al Parlamento europeo – Borrelli ha ufficializzato il suo ingresso nel gruppo dei non iscritti: ci ha comunicato che la sua è stata una scelta sofferta ma obbligata da motivi di salute. Prendiamo atto che Borrelli non fa più parte del Movimento 5 Stelle”.

• I CONTI DI LUIGI DI MAIO: “VERSATI 370 MILA EURO”
Alla verifica dei documenti sui rimborsi di Luigi Di Maio, risulta che il leader del M5s ha restituito in cinque anni oltre 161mila euro: 150.087,14 sono andati al fondo per le piccole e medie imprese del Mise, 11.009, invece, sono finiti nel fondo di ammortamento titoli di Stato, dove finivano i soldi del taglio degli stipendi ed eccedenze di diaria dei parlamentari grillini prima che venisse aperto il conto corrente per il microcredito dietro pressione degli stessi eletti 5 Stelle.

Rimborsi M5S, Di Maio: “Controlleremo tutto, mele marce fuori dal movimento”

A questa cifra vanno sommati gli importi a cui Di Maio ha rinunciato, ovvero 177.401,10 euro quale indennità lorda da vicepresidente della Camera e 32.500 euro come rimborso spese di rappresentanza, per un totale di 209.901,10 euro. Tra importi restituiti e rinunce varie, fanno notare dal suo staff, Di Maio ha reso in questi anni 370.997,24 euro.

A darne l’annuncio è lo stesso capo politico del Movimento su Facebook:

RENZI ALL’ATTACCO: “TRUFFE EVIDENTI”
Ma il segretario del Pd Matteo Renzi torna all’attacco sullo scandalo dei rimborsi che sta scuotendo il M5s. E così, dopo aver paragonato Luigi Di Maio a Bettino Craxi che minimizzò su Mario Chiesa, ai microfoni di Rtl 102.5 lancia un nuovo affondo: “Ci sono delle truffe evidenti, acclarate e chi ha la responsabilità dovrebbe dire come stanno le cose”. E aggiunge: “I Cinquestelle non hanno mantenuto la promessa di diversità, sono diventati un’arca di Noè di truffatori, riciclati e scrocconi. Sono sei anni che ci fanno la morale ma ci sono truffe acclarate; si sono presentati come diversi dagli altri ma sono come tutti gli altri”.

“La vicenda in sé non è importante per i soldi che mancano – continua Renzi –  il punto problematico semmai è che alla fine con questo meccanismo non si sa più chi è il candidato, ogni giorno Di Maio dice ‘questo non è dei nostri, ci vergogniamo’. Parlo di Dessì, di Cecconi Martelli. Hanno combinato dei pasticci ma restano in lista. Un cittadino che vuole votare 5Stelle non è che si può fidare di un tweet”.

“Di Maio – conclude l’ex premier – si tolga il dente e dica tutti insieme i nomi di quelli cha hanno truffato, altrimenti danno l’idea di considerare gli italiani un popolo di rincoglioniti. Dica la verità, ma senza farci la morale. Perché i moralizzatori senza morale non funzionano”.

• LE VERSIONI DEI PARLAMENTARI 5 STELLE
Sul fronte opposto questa mattina interviene sul caso anche il parlamentare uscente del M5S Danilo Toninelli che commenta su Radio1 la notizia secondo cui sarebbe coinvolto anche il suo nome nella vicenda del buco dei rimborsi nel fondo per il microcredito: “Verifiche su di me? Non lo so, spero che stiano verificando tutti”, afferma.

E aggiunge: “Io ho restituito metà del mio stipendio dal marzo del 2013 ad oggi fino all’ultimo centesimo e ne sono felice – prosegue Toninelli – chi oggi ci attacca sparlando, dicendo cose come ‘rimborsopoli’, si dovrebbe vergognare perché per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana non solo un partito politico non spolpa le tasche degli italiani, ma rifiuta 42 milioni di euro di rimborsi pubblici che ci spettavano e restituisce metà dello stipendio. Stiamo verificando perché non potevamo farlo prima”.

Una “negligenza” nei controlli dei bonifici è la giustificazione della deputata grillina Barbara Lezzi. “Risulta un unico bonifico non andato a buon fine” spiega. “L’unica cosa che mi riconosco – aggiunge è la negligenza del non avere seguito l’esito delle operazioni. Esito che per un bonifico è negativo presumibilmente per carenza di fondi. Ma ho restituito 132.741,20 euro. La mia buonafede mi rende tranquilla”.

Mentre per il deputato uscente Manlio Di Stefano il caso “è una questione ‘umana’” che “non configura alcun illecito”, sottolineando che “il 99% del nostro gruppo è sano” mentre “l’1%” di chi ha violato il regolamento “pagherà. Mariuoli non ne abbiamo”, conclude a margine della presentazione dei candidati dei 5 Stelle nei collegi uninominali di Milano.

Intanto senatore Maurizio Buccarella, che si è autosospeso dal Movimento, in un tweet afferma di aver revocato i bonifici per il “costo troppo alto delle commissioni” bancarie

• MARTINA: “FARE LA MORALE AGLI ALTRI RISCHIA DI RITORCERSI CONTRO”
Per il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina la vicenda dei rimborsi mancati del M5s è “l’emblema della loro inaffidabilità. Quando uno esagera e pretende di fare la morale agli altri, in quel modo poi, quando non è credibile e affidabile questa logica gli si ritorce contro”, commenta a margine del “Pasta day” organizzato da Coldiretti a Roma, in occasione dell’entrata in vigore dell’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine della materia prima per pasta e riso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...