attualità HOME

“Costretti a vedere tonnellate di pornografia”. Le confessioni di una moderatrice di Facebook

Sarah Katz alla Bbc ha raccontato i suoi otto mesi di lavoro come moderatore dei social: un lavoro sicuramente ‘estenuante’. Ha lavorato otto mesi, poi si è licenziata

SFOGLIARE NEWS

“Cosa ho visto di più? Principalmente pornografia, tonnellate di pornografia”. Sarah Katz alla Bbc ha raccontato i suoi otto mesi di lavoro come moderatore di Facebook. “L’agenzia è stata molto diretta quando ci ha detto che tipo di contenuto avremmo visto, quindi non siamo stati lasciati al buio.”

“La direzione voleva che noi non lavorassimo più di otto ore al giorno, e dovevamo esaminare una media di circa 8.000 post al giorno, quindi circa 1.000 post all’ora”. Come si impara a raggiungere certi ritmi? “Si impara praticamente sul lavoro, in particolare il primo giorno: se dovessi descrivere questo tipo di lavoro in una parola, beh non potrebbe essere che ‘estenuante'”.

0 commenti su ““Costretti a vedere tonnellate di pornografia”. Le confessioni di una moderatrice di Facebook

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: