attualità HOME

Papa, migranti: “Paura legittima, ma non condizioni scelte”

arnaldo zeppieri

Francesco: “Timore non è peccato, lo è lasciare che questo alimenti odio”CITTÀ DEL VATICANO – Le paure di accogliere i migranti, ma anche di chi arriva, “sono legittime, fondate su dubbi pienamente comprensibili da un punto di vista umano. Avere dubbi e timori non è un peccato. Il peccato è lasciare che queste paure determinino le nostre risposte, condizionino le nostre scelte, compromettano il rispetto e la generosità, alimentino l’odio e il rifiuto”. Lo ha detto il Papa nell’omelia.

Partendo dal Vangelo, in cui Gesù invita i discepoli a seguirlo, “Venite e vedrete!”, il Papa sottolinea che quell’invito “è oggi rivolto a tutti noi, comunità locali e nuovi arrivati. È un invito a superare le nostre paure per poter andare incontro all’altro, per accoglierlo, conoscerlo e riconoscerlo. È un invito che offre l’opportunità di farsi prossimo all’altro per vedere dove e come vive”.

“Nel mondo di oggi – aggiunge il Pontefice – per i nuovi arrivati, accogliere, conoscere e riconoscere significa conoscere e rispettare le leggi, la cultura e le tradizioni dei Paesi in cui sono accolti. Significa pure comprendere le loro paure e apprensioni per il futuro. Per le comunità locali, accogliere, conoscere e riconoscere significa aprirsi alla ricchezza della diversità senza preconcetti, comprendere le potenzialità e le speranze dei nuovi arrivati, così come la loro vulnerabilità e i loro timori”.

 

0 commenti su “Papa, migranti: “Paura legittima, ma non condizioni scelte”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: