L’Acquedotto Pugliese aumenta leggermente la pressione idrica. Ma resta l’emergenza siccità

Oltre 25mila metri cubi in più al giorno in più per i cittadini pugliesi ma resta la riduzione idrica. Gli invasi presentano ancora meno della metà di acqua rispetto alla media degli ultimi 10 anni

Oltre 25mila metri cubi in più al giorno: Acquedotto Pugliese aumenta leggermente la quantità di acqua immessa nella rete idrica grazie all’uso di fonti alternative agli invasi, come i pozzi. Una strategia che però non permette ancora di superare l‘emergenza siccità in Puglia e, di conseguenza, la riduzione della pressione nelle abitazioni, che tante problematiche ha provocato quotidianamente tra i residenti.

A spiegarlo in una nota è la stessa società che gestisce il sistema idrico sul territorio. Grazie all’utilizzo dell’acqua di falda, infatti, si sta cercando di porre rimedio a quella che Aqp definisce “l’anno con più siccità degli ultimi 200”.

La politica avviata prevede non solo il citato aumento di acqua nei tubi grazie all’utilizzo di fonti alternative, ma anche un risparmio idrico (circa 3,5 milioni di metri cubi è il dato fornito, relativo all’ultimo trimestre del 2017). A questo si unisce l’attività di ricerca e di manutenzione delle tubature, che ha visto anche l’utilizzo di droni, con una spesa totale di oltre 300 milioni di euro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...