cronaca HOME

Bologna, praticante avvocata deve lasciare l’aula del Tar perché indossa il velo

Il giudice ha imposto di levarlo e Asmae Belfakir, 25 anni, ha deciso di andarsene: “Ha parlato di cultura, nemmeno di legge. E il mio volto è scoperto, quindi sono perfettamente identificabile”. Il presidente del Consiglio di Stato chiede chiarimenti. Colloquio telefonico fra il presidente del Tribunale e l’ufficio legale dell’Unimore: “Ci ha assicurato che non ci saranno problemi, lei potrà partecipare alle udienze rispettando la propria fede religiosa!

arnaldo zeppieri_1

 

BOLOGNA – A una giovane praticante avvocata presso lo studio legale dell’Università di Modena e Reggio Emilia è stato negato stamane di assistere a un’udienza presso il Tar dell’Emilia-Romagna perché indossava il velo. Il giudice Giancarlo Mozzarelli ha imposto ad Asmae Belfakir, 25 anni, che con la collega voleva partecipare a un’udienza su un ricorso legato a una vicenda di appalti, di levarsi il velo, altrimenti avrebbe dovuto lasciare l’aula. Lei si è rifiutata ed è uscita.

Asmae Belfakir è nata in Marocco e arrivata in Italia all’età di tre mesi; ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza a Modena con 110 e lode in “Legge e religione” con una tesi dal titolo “L’integrità del corpo delle donne e la legge islamica: autonomia e precetto”; è praticante nello studio legale dell’ateneo modenese da ottobre, e ha partecipato a decine di conferenze all’estero. “Non mi era mai successo;  ho assistito a decine di udienze, anche qui al Tar e nessuno mi aveva mai chiesto di togliere il velo. Nemmeno al Consiglio di Stato. Anche perché non si può assolutamente parlare di problema di sicurezza perché il velo tiene il volto scoperto e quindi sono perfettamente identificabile. Sono sconvolta. Il 5 dicembre scorso avevo partecipato a un’altra seduta con lo stesso giudice e non mi aveva detto nulla – continua Belfakir -. Questa mattina, invece, ha subito puntato il mio velo e senza nemmeno nominarlo mi ha detto che avrei dovuto toglierlo per poter continuare a partecipare. Nel mio caso, con il volto scoperto, l’identificazione era immediata e non vi era dunque alcun rischio per la sicurezza”.

Mentre lasciava l’aula, il giudice avrebbe spiegato “che si tratta del rispetto della nostra cultura e delle nostre tradizioni”, riferisce Belfakir, sottolineando che Mozzarelli “ha parlato di cultura, nemmeno di legge”. Se il giudice “non intende rilasciare dichiarazioni”, riferisce una segretaria d’udienza ai giornalisti presenti in Tribunale, altri professionisti presenti hanno voluto consolare e confortare la praticante, che commenta così la vicenda: “L’aula di un tribunale dovrebbe essere laica e rispondere ai dettami della legge e a null’altro. Sono stata privata non solo di un diritto ma anche del mio dovere di praticante avvocato di seguire cosa succedeva in aula. Mi chiedo: se un giorno dovessi diventare avvocato o giudice, dovrò sempre difendere prima me stessa e poi i miei clienti?”. Belfakir ora chiede provvedimenti nei confronti del giudice ma si impegna, anche a “portare avanti una campagna culturale per fare in modo che le ragazze come me non debbano scontrarsi con questi muri ogni giorno. E’ già estenuante farlo per strada, non lo possiamo fare anche nelle aule dei tribunali”.

Il presidente del Consiglio di Stato chiede chiarimenti. Sulla vicenda Alessandro Pajno, presidente del Consiglio di Stato ha chiesto chiarimenti sulla questione del velo in aula d’udienza: Pajno ha incaricato il Segretario generale, a quanto si apprende, di richiedere al Presidente della Sezione una relazione circostanziata sull’accaduto per una compiuta valutazione dei fatti.

“Il presidente del Tar ci ha rassicurato che non ci saranno problemi a partecipare col velo”. Il dirigente dell’ufficio legale dell’Università di Modena e Reggio, Lorenzo Canullo, dopo l’episodio che ha riguardato la giovane che sta svolgendo pratica di avvocato nel suo ufficio ha avuto un colloquio telefonico col presidente del Tar dell’Emilia-Romagna. “Mi ha assicurato – sottolinea Canullo – che non ci sono problemi. La ragazza potrà partecipare a tutte le udienze indossando il velo, quindi, nel rispetto della propria fede religiosa”. Quindi, precisa Canullo, “la dottoressa Belfakir verrà con me alle prossime udienze al Tar così verificheremo sul campo quello che mi è stato detto. E’ una ragazza bravissima e molto preparata che ha sempre partecipato alle udienze dove era coinvolta, a vario titolo, l’università di Modena e Reggio Emilia: in Consiglio di Stato e davanti a giudici nel civile e nel penale”. Quanto ad un possibile esposto per quanto successo questa mattina, l’avvocato ha precisato che non era presente al momento dei fatti: “bisognerà leggere il verbale di udienza. Credo, comunque – ha concluso – che il chiarimento avuto con il presidente del Tar sia stato molto importante”.

La comunità islamica:”Nessuna legge vieta il velo in tribunale”. Asmae Belfakir è anche legale rappresnetante della comunità islamica di Bologna. E il coordinatore Yassine Lafram, commentando il caso, tuona: “Urge che le autorità competenti facciano chiarezza”. Per Lafram “non esistono leggi che vietano di portare il velo in un tribunale”. Il giudice, prosegue, “ha detto che si tratta del rispetto della nostra cultura e

delle nostre tradizioni”, ma questa, secondo il responsabile delle comunità “è un’arbitraria posizione che vuol giustificare il provvedimento. Una giustificazione che non trova ragione in nessuna legge, tantomeno nella Costituzione, che anzi, tutela la libertà religiosa (tra cui l’abbigliamento)”. Solidarietà anche dal presidente del Centro islamico culturale d’Italia, noto come la Grande moschea di Roma, Khalid Chaouki.

0 commenti su “Bologna, praticante avvocata deve lasciare l’aula del Tar perché indossa il velo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: