Grasso: “Nessuna pregiudiziale verso il M5S. Renzi ha attuato le politiche di Berlusconi”

Il leader di Liberi e uguali a Circo Massimo su Radio Capital. Sulle elezioni regionali: “Nessun odio verso il Pd, in Lombardia non c’erano i presupposti per un accordo”

arnaldo zeppieri

ROMA – “Non siamo una forza politica irresponsabile ma rigorosa: se ci sono i presupposti, gli accordi si possono fare”. Con questa motivazione Pietro Grasso, leader di Liberi e uguali spiega a Circo Massimo su Radio Capital perché il suo partito ha deciso di sostenere il candidato del Pd Nicola Zingaretti nel Lazio e non appoggiare Giorgio Gori in Lombardia. Incalzato dalle domande di Jean Paul Bellotto e Massimo Giannini afferma poi che LeU non ha “nessuna pregiudiziale nei confronti dei Cinquestelle”. E accusa Renzi “di aver messo in pratica le politiche di Berlusconi”.

• IN LOMBARDIA NON CI SONO PRESUPPOSTI PER INTESA
“Il confronto in Lombardia va avanti da molti mesi – spiega il leader di Leu – e la decisione di non sostenere Gori era già stata presa molto tempo fa. Invece nel Lazio ho avuto pieno mandato dall’assemblea regionale a trattare con Zingaretti per un confronto. Per me è stato molto importante sentire la base prima di prendere una decisione politica. Sono contro il personalismo della dirigenza”.

“Non c’è nessun rancore né odio nei confronti del Pd – continua il presidente del Senato –  Erano state proposte delle primarie e invece si è avuto un candidato imposto. Gori ha appoggiato il referendum autonomista di Maroni, non ha dimostrato nessuna visione in discontinuità rispetto alle attuali politiche del Pd. Tutto questo è stato valutato dalla base, che aveva il polso della situazione”. E precisa: “Il punto non è vincere o perdere ma che cosa andiamo a fare. Se c’è o meno una svolta nelle politiche regionali”.

• RENZI HA ATTUATO LE POLITICHE DI BERLUSCONI
Poi aggiunge: “Su scala nazionale non ci sono i presupposti per un’intesa. Le politiche del Pd vanno da un’altra parte, lo stesso Renzi ha detto che è riuscito a fare quel che Berlusconi non ha fatto. Se si continuano a percorrere le direzioni che vanno fuori dal centrosinistra, non possiamo essere d’appoggio e di aiuto al Pd”.

 NO A PREGIUDIZIALI VERSO IL M5S
Grasso chiarisce che le frizioni con Laura Boldrini in merito alla questione del rapporto con il M5S sono già risolte: “Per Leu il pluralismo è normale, le polemiche sono spesso giornalistiche e sono rientrate. Ci sono posizioni diverse da ricondurre a unità”. E definisce i Cinquestelle “un soggetto politico con cui fare i conti”, anche se sono “inaffidabili, ondivaghi, con loro è difficile trattare”. Non si sbilancia su possibili accordi, tuttavia afferma che Leu non ha nessuna pregiudiziale contro il Movimento: “Useremo lo stesso metodo adottato in Lombardia e Lazio, valuteremo il loro programma”. In ogni caso l’unica vera pregiudiziale culturale e ideologica “è nei confronti della destra”.

• ABOLIRE BUONA SCUOLA E JOBS ACT 
Tra le riforme da abolire Grasso cita la Buona scuola, “che ha scontentato un po’ tutti” e il Jobs Act, che “ha creato lavoro precario: lavoriamo di più e guadagniamo di meno”. Ma anche la legge Fornero è da rivedere: “Il sistema pensionistico non è equo, penso a dare un futuro anche ai precari”.

• LE QUESTIONI APERTE CON IL PD
Secondo il leader di Leu, inoltre, il cambio di tono di Matteo Renzi che non si propone più direttamente come futuro premier, è positivo ma non sufficiente. E anche “Gentiloni, seppure abbia creato un clima diverso – aggiunge – ha compiuto scelte in linea con quelle di Renzi”. Poi conclude: “Non chiedo passi indietro a nessuno. Sono io che voglio fare passi avanti. E poi sono loro che vanno indietro da soli. Renzi aveva il 40% e si è ridotto al 20%. Votare per noi può far costituire un centrosinistra che invece va perdendo pezzi da tutte le parti”.

Quanto alla querelle aperta con il Pd, che pretende da Grasso la restituzione dei contributi arretrati al partito, l’ex magistrato risponde: “Un lato squallido della campagna elettorale: nessun presidente del Senato o Camera ha mai dato un contributo alla sua parte politica. Non

me l’hanno mai chiesto, nemmeno quando mi hanno proposto di candidarmi in Sicilia. Solo quando ho accettato di guidare Liberi e uguali. Pensare che sia io il responsabile della cassa integrazione dei lavoratori del Pd è veramente squallido”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...