HOME politica

Berlusconi a Palermo: «Non date la Sicilia ai 5 stelle, chi li vota non ragiona». E attacca Crocetta

«Chi vota il M5S è una persona che non ragiona, che non ha testa. Non riesco a immaginare che voi mettiate una Sicilia solida nelle loro mani. I 5 Stelle sono pauperisti e giustizialisti, odiano gli imprenditori, i risparmiatori, il ceto medio. È impossibile accettare una cosa del genere». Lo afferma Silvio Berlusconi nel corso della convention di Forza Italia al Teatro Politeama di Palermo a sostegno di Nello Musumeci, candidato presidente alle elezioni regionali siciliane di domenica invitando «chi non vota perché disgustato o deluso a farlo nell’interesse» della Sicilia.

«I 5stelle vogliono una giustizia sommaria per gli avversari politici, questa è una ragione per non votarli mai», ha aggiunto Berlusconi. «Rosario Crocetta ha derubato il vostro futuro», ha quindi attaccato l’ex premier. Quella lasciata da Crocetta è «una situazione che lascia sgomenti».

Berlusconi, al termine del suo intervento, ha fatto salire sul palco il candidato del centrodestra Nello Musumeci, il commissario di FI in Sicilia Gianfranco Micciché, il candidato vice presidente Gaetano Armao e Vittorio Sgarbi, che in caso di vittoria sarà assessore alla Cultura e che ha assistito al discorso del leader FI seduto per terra, in prima fila.

«Zero tasse per le start-up e accesso facile al credito», è stata poi una delle promesse di Berlusconi parlando del programma per la Sicilia. «Se torneremo al governo» dell’Italia «ripeteremo quello che facemmo quando fummo al
governo. Nessun governo ha fatto per la Sicilia ciò che abbiamo fatto noi». «Noi vogliamo eliminare alcune imposte che sono immorali: le imposte sulla prima casa, l’imposta sulla donazione e quella sulle successioni», ha promesso ancora Berlusconi.

«Siamo in un sistema democratico, se non vi piacciono non votateli», ha quindi detto riferendosi alla polemica sugli
«impresentabili» e ricordando come in Sicilia ci sia il sistema delle preferenze. Il leader di FI ha ricordato poi come  Musumeci «non ha mai avuto un avviso di garanzia» e lodato la sua squadra di «uomini giusti» per la Sicilia.

Ovazione per Vittorio Sgarbi quando Berlusconi ha invitato il critico d’arte, seduto per terra in prima fila, ad alzarsi c’è stato. «È il più grande critico d’arte, siamo amici e litighiamo da anni, è una persona importante per la Sicilia». Una investitura ufficiale per Sgarbi quella che arriva da Berlusconi: il critico entrerà nel governo di Musumeci in caso di vittoria del centrodestra in Sicilia.

Secondo il nostro programma, ha detto ancora Berlusconi parlando delle elezioni politiche della prossima primavera, «nel Consiglio dei ministri 12 su 20 saranno della vita civile, delle imprese, della cultura. Solo 8 devono essere politici e di questi 3 di FI, 3 della Lega e 2 di Fdi. Ho fatto leggere il programma a Matteo Salvini e Giorgia Meloni e sono d’accordo. Nel centrodestra c’è concordia su come deve essere formato il prossimo Consiglio dei ministri e sul programma».

«Meno vincoli dall’Ue, meno tasse e meno Stato. Introdurremo la flat tax, praticata in 60 paesi del mondo. A questa tassa si deve il grande sviluppo economico e finanziario che tutti riconoscono a Hong Kong», ha continuato l’ex premier sottolineando alcuni punti del programma del centrodestra. «Via il bollo sulla prima auto, no a imposte sulla prima casa, no a tasse sulla successione e sulle donazioni», ha detto ancora il leader di FI.

«Si deve cambiare il sistema della custodia: solo se si è commesso un reato di sangue si va in galera altrimenti si versa una cauzione», ha poi sostenuto. E «per rafforzare la sicurezza servono nelle strade i poliziotti di quartiere e penso che anche il nostro esercito sarebbe ben lieto di mandare nelle grandi città i nostri soldati per difendere i cittadini».

«Bisogna introdurre il vincolo di mandato, basta con i cambi di casacca in Parlamento», ha poi proposto Berlusconi sostenendo di aver fatto «in Italia una rivoluzione gentile, moderata, ma radicale».

Berlusconi è stato accolto da un lungo applauso al suo arrivo sul palco del Teatro Politeama. Presenti tutti i big di FI in Sicilia. In prima fila, accanto all’spirante vicepresidente della Sicilia Gaetano Armao, siedono Francesca Pascale e il senatore Antonio D’Alì. Con loro anche i parlamentari Renato Schifani, Gabriella Giammanco e Renata Polverini. Berlusconi arriva sul palco con il commissario di FI in Sicilia Gianfranco Micciché e con Vittorio Sgarbi. Tra i presenti nelle prime file anche alcuni dei candidati attaccati dal M5S come “impresentabili”: Giovanni Lo Sciuto, ex esponente di Mpa ed esponente di spicco di Castelvetrano; Marianna Caronia, indagata per corruzione, e Luigi Genovese, figlio dell’ex deputato Francantonio Genovese.

«Oggi come tanti anni fa mi sono commosso ancora di più per la vicinanza e l’affetto dei siciliani», ha poi affermato Berlusconi ai cronisti all’uscita dal caffé Spinnato. L’ex Cavaliere è stato letteralmente assediato da militanti di FI e cronisti mentre si avviava verso l’uscita del caffé. «Sono più giovane di voi», ha scherzato l’ex premier affacciandosi dalla balaustra interna al locale e rivolgendosi a chi lo attendeva sotto. E la sua uscita, nella strada antistante, ha creato un vero e proprio caos con diversi passanti che cercavano di fotografarlo. E Berlusconi non si è sottratto ai selfie. Tra i passanti qualcuno lo ha anche contestato dicendogli: «Vattene in pensione».

Berlusconi incontrerà il segretario della Lega Matteo Salvini giovedì sera a Catania al termine dei rispettivi comizi. Lo fa sapere la Lega spiegando che Salvini non riuscirà ad andare all’evento delle 18 organizzato da FI perché è atteso, secondo un programma concordato da settimane, in 7 città prima di arrivare a Catania dove terrà il previsto comizio in piazza teatro massimo alle ore 19:30. In mattinata il leader della Lega aveva invitato gli alleati a unirsi a lui a quest’appuntamento. All’incontro, a quanto si apprende, ci sarà anche Giorgia Meloni.

L’incontro con Berlusconi? Interessa di più ai giornalisti. Io domani ho altri sette incontri pubblici, ne ho già fatti una ventina. Domani alle 19.30 sarà in piazza Bellini, e poi, dopo gli eventi degli altri vogliamo vederci per un piatto di pasta sono contento. La Meloni? Sì, sì… Ovviamente l’invitato ospite è Musumeci: noi siamo qui per lui e non per ragionamenti politici nazionali. È inutile che Berlusconi parla di ministri, viceministri, non mi interessa…«: Lo dice Matteo Salvini a Palagonia.

0 commenti su “Berlusconi a Palermo: «Non date la Sicilia ai 5 stelle, chi li vota non ragiona». E attacca Crocetta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: