HOME politica

Usa e Corea del Sud uccideranno Kim? Ecco il vero senso di quel messaggio

1423240226-1393928286-kim-jong.jpgNegli ultimi mesi, le voci sulla prossima uccisione del leader nordcoreano, Kim Jong-un, si sono fatte molto insistenti. In molti ritengono che si tratti di propaganda tesa a rendere sempre più chiaro l’assedio mediatico nei confronti del regime di Pyongyang. Altri, invece, ritengono che il piano per uccidere Kim e decapitare il regime sia assolutamente reale e prossimo all’applicazione. Questo secondo scenario non è sottovalutato neanche dal regime tanto che, come sembra, Kim non solo ha ridotto notevolmente le sue apparizioni in pubblico, ma pare versi in uno stato di profonda preoccupazione tanto da cambiare continuamente mezzi su cui viaggia e località in cui si trova. A queste informazioni, che pagano il fatto di provenire da fonti poco verificabili, trattandosi quasi sempre di agenzie sudcoreane che hanno interesse a mostrare i limiti umani del leader di Pyongyang, si aggiungono però notizie molto più concrete provenienti dalle forze armate schierate sul nella penisola coreana. Forze armate che, ricordiamo, sono sia quelle della Corea del Sud, sia quelle, ben più potenti, degli Stati Uniti d’America.

LEGGI ANCHE
Il legame tra sauditi e Isis Che esista un piano per uccidere Kim Jong-un, è un dato ormai abbastanza risaputo. Non ultimo, il cosiddetto piano Oplan 5015 messo a punto dal Pentagono e che prevede raid chirurgici per colpire il quartier generale delle forze armate nordcoreane e con esso le località in cui potrebbe trovarsi il leader del Paese. Il problema è che, a fronte della possibilità di uccidere il giovane dittatore nordcoreano, manca una strategia per il futuro successivo alla sua morte. E con molta probabilità, il fatto che la Corea del Nord sia ancora sotto Kim è anche dovuto a questa incapacità degli Stati Uniti, e anche della Cina, di avere un’alternativa al regno della dinastia Kim. Tuttavia, che al Pentagono e alla Casa Bianca stiano pensando di decapitare il regime, possibilmente con l’aiuto dei reparti d’élite sudcoreani, è un qualcosa che sembra chiaro e che sembra confermato dalle ultime azioni delle forze armate americane.
LEGGI ANCHE
I signori della guerra: Usa e Sauditi leader del mercato delle armi Secondo quanto riportato dal Telegraph, che cita fonti della Corea del Sud, negli ultimi giorni è giunto nel porto militare di Busan il sommergibile statunitense Uss Michigan. Il sottomarino in questione è noto per essere uno dei più utilizzati nel trasporto di squadre dei Navy Seal, e a conferma di questo è importante ricordare che il sommergibile possiede silos per il lancio di due sommergibili di piccole dimensioni che servono proprio nelle missioni dei reparti speciali per farle avvicinare alle coste senza essere individuati. E il fatto che questo sottomarino sia arrivato nel porto sudcoreano insieme alla portaerei Uss Reagan, che dovrà guidare le esercitazioni congiunte fra Stati Uniti e Corea del Sud, dimostra l’importanza dei reparti d’élite nelle dinamiche belliche che si stanno sviluppando nella penisola coreana. E,  a tal proposito, non va dimenticato che i media di Seul avevano già confermato, prima di questa estate, la presenza del “Team Six” dei Navy Seal (il reparto che ha operato per uccidere Osama bin Laden) nelle esercitazioni note come Foal Eagle e Key Resolve.

È sempre difficile comprendere in questi casi se la mossa sia più utile a lanciare un messaggio piuttosto che a rappresentare una vera e propria minaccia. La presidenza Trump ha più volte utilizzato i movimenti delle truppe e le esercitazioni militari per dimostrare di essere pronti a tutto e non lasciarsi intimidire rispetto alle provocazioni balistiche o nucleari di Kim Jong-un, ma non sembra intenzionata a muovere il primo passo. Resta comunque il pericolo di un incidente che possa costare molto caro a tutta la penisola coreana. Ma dopo gli ultimi test balistici di questa estate, qualcosa sta cambiando nella percezione della possibilità di eliminare il leader nordcoreano. A settembre, il ministro della Difesa di Seul confermò l’addestramento di unità speciali con lo scopo unico di uccidere Kim Jong-un. E a questa notizia, si aggiunge ora la presenza dei reparti d’élite statunitensi. Un messaggio per rendere ancora più nervoso il leader di Pyongyang? Probabile. Ma a questo si aggiunge anche il rischio di esaltare ancora di più il nervosismo e provocare reazioni molto gravi a causa del sentirsi braccato da parte dei nemici.

La strategia degli Stati Uniti della Corea del Sud, molto più pragmaticamente, potrebbe essere quella di far capire al leader della Corea del Nord che i tempi sono maturi per una fine delle provocazione e per tornare a più miti consigli. Mantenere questo stato di tensione continua nella penisola coreana e nel Pacifico può aiutare il Pentagono a tenere sotto osservazione la Cina e ad armare Corea del Sud e Giappone, ma rischia, inevitabilmente di di trasformarsi in un vicolo cieco in cui né gli Usa né i suoi partner vogliono finire. In primis per l’enorme spesa statale da versare nella Difesa, ma poi anche perché tendere eccessivamente la corda potrebbe condurre al destino ineluttabile di una guerra che vedrebbe come prima vittima proprio la Corea del Sud. Uccidere Kim senza un’exit strategy che coinvolga la Cina, sembra impossibile e controproducente. Ma sembra anche difficile arrivare a un accordo tra Xi e Trump a riguardo. Probabilmente, il viaggio del presidente americano in Asia servirà a chiarire le idee a entrambe le superpotenze.

0 commenti su “Usa e Corea del Sud uccideranno Kim? Ecco il vero senso di quel messaggio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: