cronaca HOME

Rogo alla Thyssen, Cassazione boccia ricorso dirigenti: «Condanne giuste»

550x189x3312160_1543_tk.jpg.pagespeed.ic.hwg9tKd_X9

Allarme falsa infermiera a Pescara. Si è spacciata come tale rispondendo all’annuncio di ricerca personale di una cooperativa sociale, che in convenzione con la Ausl opera nell’assistenza domiciliare integrata. Una fonte riferisce come i colleghi del distretto al quale la donna era stata destinata, si sono accorti sul campo dell’incompetenza della presunta assistente, portando quindi al suo allontanamento. «Dai primi giorni di affiancamento sul territorio pescarese, a fine luglio – racconta la fonte – ci siamo accorti che non fosse capace nemmeno di effettuare un prelievo del sangue. L’abbiamo quindi subito isolata, non permettendole di fare nulla durante le visite. Con relativa segnalazione ai responsabili e all’ufficio del personale». Nel tempo delle verifiche la donna ha continuato l’affiancamento dovuto che precede l’eventuale conferma del ruolo, per un periodo di circa sei settimane, pur non operando in maniera autonoma sul campo. Nel frattempo si è rifiutata di fornire i certificati che attestassero quanto affermato nel curriculum, inclusa una laurea in infermieristica.

0 commenti su “Rogo alla Thyssen, Cassazione boccia ricorso dirigenti: «Condanne giuste»

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: