attualità

Ferrovia per Roma e raddoppio Salaria: ecco i due progetti

Salaria
di Alessandra Lancia
RIETI – Potenziamento della Salaria e anello ferroviario dell’Appennino centrale: in due parole Salaria e ferrovia. Sembrano promesse, già sentite e mai mantenute (e non da ieri, ma almeno dal 1846!) invece sono i due «cantieri» che il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio viene a presentare a Rieti martedì a mezzogiorno in Provincia, e pazienza se è pure di 17. Con Delrio ci saranno l’amministratore delegato di Anas Vittorio Armani, l’amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile e i presidenti delle regioni Lazio e Marche, Nicola Zingaretti e Luca Ceriscioli. Per ritrovare un precedente analogo bisogna riandare al 15 marzo 2002, quando regnante Silvio Berlusconi, al cinema Moderno arrivò il ministro Pietro Lunardi e insieme al senatore Angelo Cicolani, all’onorevole Guglielmo Rositani e al presidente dell’epoca delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, venne presentata la ferrovia Passo Corese-Rieti che prometteva di portare i reatini a Roma in 56 minuti. Rileggere la cronaca di quel pomeriggio mette i brividi. «O adesso o mai più», bramava l’allora sindaco Cicchetti (ma ci sarà anche oggi), «se non ora quando?», sospirava il povero Cicolani.

E’ più o meno quello che ci si ripete da 13 mesi a questa parte tra Regione, parlamentari, Curia vescovile (soprattutto Curia vescovile), da quando cioè la tragedia immane del terremoto di Amatrice e Accumoli ha mostrato tutta intera la fragilità (e l’isolamento) di quest’Italia di mezzo e di una consolare Salaria che sembra rimasta quella d’epoca romana. E ha visto governo e Regione seriamente impegnati nel cercare finalmente una soluzione al secolare deficit di collegamenti.

IL LAVORO DEL VESCOVO
Il più insistente nel chiedere è stato il vescovo, Domenico Pompili: prima ha tirato giù un appello per le infrastrutture e per uscire dall’isolamento, controfirmato da amministratori locali, associazioni di categoria, forze sindacali. Poi ha marcato stretto tutte le personalità di passaggio in questi mesi ad Amatrice: Mattarella, Renzi, Gentiloni. Nessuno è sfuggito al pressing di monsignore, anche se la consegna, per tutti, era profilo basso e fari spenti. Così, nemmeno quando a metà agosto il ministro Delrio in un’intervista ha fatto esplicito riferimento ai cantieri di Salaria e ferrovia per Roma, c’è stata la corsa a salire sul treno del «vincitore».

CI METTE LA FACCIA
Ma stavolta è il ministro in persona a metterci la faccia: i due dossier sono in gestazione da mesi. Per la ferrovia sembra sia stata accantonata l’idea di Cicolani di pensare il collegamento Roma-Rieti come prosecuzione della radiale Orte-Fiumicino e invece rispolverata rivista e corretta l’ipotesi di ferrovia dei due mari (cara a Guglielmo Cicolani), che prevedeva un collegamento Roma-Rieti-Antrodoco-Ascoli-San Benedetto. Si vedrà se e quanto di questa impostazione abbia resistito nel frattempo e come si sviluppi questo «anello ferroviario dell’Appennino centrale». Comunque, di ferrovia nuova parliamo, e non di potenziamento dei collegamenti con la linea che c’è, passando da Terni per giungere Roma.

LA CONSOLARE
Per la Salaria non si parla di raddoppio tout court ma di potenziamento: da quel poco che trapela, si parla di una serie di interventi di ampliamento della carreggiata (dove a quattro, dove a tre, dove a due corsie) nei punti più nevralgici e problematici, con precedenza assoluta al tratto che va da San Giovanni Reatino a Passo Corese. Due giorni e sapremo: la storia continua.

0 commenti su “Ferrovia per Roma e raddoppio Salaria: ecco i due progetti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: