attualità HOME

Abruzzo, defibrillatori in piazza in 170 paesi

Appalto da 286mila euro che può salvare tante vite: vince una ditta di Milano. Entro Natale le installazioni: soccorso più veloce nei paesi dell’interno

LEGGI ANCHE:All’Aquila e Chieti più kit di tutti: ecco i Comuni che li avrannoL’elenco con i grandi centri e quelli piccoli delle aree interne

IMPRESA MILANESE. La Phisio Control di Cinisello Balsamo è la ditta che, a fine estate, si è aggiudicata la gara d’appalto curata dalla Stazione unica-Soggetto aggregatore della Regione Abruzzo. La società milanese, che ha fatto un’offerta al ribasso di 259mila euro, contro i 263mila dell’altra concorrente Iredeem, fornirà alle Asl i 170 defibrillatori automatici esterni (Dae) di ultima generazione – come prevede il disciplinare della gara – e le relative teche che li custodiranno. Ciascun apparecchio salvavita ha una garanzia di 24 mesi, una batteria non ricaricabile che può dare 200 scariche (una scarica può bastare per salvare una vita) e la possibilità di rimanere anche 4 anni di stand-by, cioè inutilizzato. I defibrillatori, sempre secondo il regolamento dell’appalto, emetteranno messaggi vocali in lingua rigorosamente italiana. E dovranno essere protetti da custodie, con sigilli rimovibili, allarmati con un sistema di comunicazione tipo sms, e custoditi in una teca a muro per facilitare la videosorveglianza e la prevenzione degli atti vandalici. Alla ditta vincitrice tocca anche l’onere economico per formare il personale all’uso delle apparecchiature e alle soluzioni degli inconvenienti.

LEGGI ANCHE:Svolta dopo la tragedia Morosini La morte del calciatore a Pescara ha innescato i decreti che ne impongono l’uso

CHI CHIEDE OTTIENE. «Tutti i Comuni che hanno richiesto il defibrillatore, nessuno escluso, lo hanno ottenuto», spiega l’assessore regionale alla Sanità Silvio Paolucci. «Ho fatto così: ho mandato una lettera ai 305 Comuni d’Abruzzo. Hanno risposto in 170. Quindi, attraverso l’assessorato, ho finanziato la gara. I Comuni avranno una specie di totem che ragionevolmente dovrebbe essere installato nella piazza principale di ogni paese».
Ma chi formerà gli operatori del soccorso? «La raccomandazione che, in questo caso, faccio è che i 170 Comuni si impegnino a trovare almeno sei volontari che sappiano usare il defibrillatore. Noi, come Regione, diamo la disponibilità, attraverso le Asl, a tenere corsi di formazione. Ma debbo dire che già ora questi corsi sono pieni di partecipanti».
SCUSATE IL RITARDO. I Comuni, dunque, fanno domanda alle Asl che organizzano i corsi per insegnare le tecniche di uso dei defibrillatori. «Queste apparecchiature servono essenzialmente per le aree interne», sottolinea l’assessore che dà un’altra possibilità ai Comuni che, in prima battuta, non hanno aderito all’appello, perdendo la grande occasione degli apparecchi salvavita. «Se faranno domanda», dice Paolucci, «cercherò di trovare i fondi per accontentarli». Ma quando si vedranno i defibrillatori in piazza? Prima di Natale, risponde l’assessore. A dir la verità il progetto è di due anni fa. Ma ci sono ancora ritardi perché l’atto che dà il via all’operazione defibrillatori è datato 27 luglio 2017, oltre due mesi fa. Ma, sempre in quel documento, si legge che la ditta vincitrice avrebbe dovuto fornire i 170 kit salvavita nel giro di 25 giorni. Dopo l’installazione, i defibrillatori vanno anche collaudati così come gli operatori volontari che vivono nei paese debbono essere pronti a saperli far funzionare. Ed è così che arriviamo a Natale. Nella Regione di gran cuore.

0 commenti su “Abruzzo, defibrillatori in piazza in 170 paesi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: